L’enorme sforzo ha consentito di trovare 32 proteine, informazioni che dovrebbero aiutare a dare priorità a una serie di ulteriori studi su possibili marcatori predittivi per la demenza.

 

 

Per scoprire possibili firme biologiche precoci dell’Alzheimer ,sono state misurate più di 4.800 proteine in più di 10.000 adulti di mezza età (età 45-65) in un periodo di studio di 25 anni.

Questo enorme sforzo ha consentito di trovare 32 proteine legate al rischio di demenza, informazioni che dovrebbero aiutare a dare priorità a una serie di ulteriori studi su possibili marcatori predittivi per la demenza.

Molti di questi marcatori sono stati trovati nel cervello, ma alcune delle proteine che erano più fortemente associate al rischio di demenza nello studio, come GDF15, erano associate a tessuti al di fuori dell’encefalo.

L’analisi indica che una firma proteica associata ai percorsi immunitari e di durata della vita delle proteine appare circa 20 anni prima dell’insorgenza della demenza, mentre una firma proteica associata a coagulazione anormale e segnalazione del complemento immunitario appare circa 10 anni prima dell’insorgenza della demenza.

“Sebbene le proteine associate alla demenza da sole non forniscano una previsione altamente accurata del rischio di demenza a 25 anni, queste proteine, in combinazione, hanno aggiunto un modesto valore predittivo a un gruppo di variabili demografiche e cliniche che sono esse stesse forti predittori di rischio di demenza”, scrivono gli autori.