Alcuni casi segnalati dopo il Covid sono anche gravi. Secondo alcuni studi sul problema, il rischio di sviluppare la disfunzione erettile può aumentare fino a sei volte nei soggetti che hanno contratto il virus.

 

Sembra accertato il nesso tra la disfunzione erettile e il Covid. Gli esperti negli ultimi mesi hanno notato un considerevole aumento di casi e hanno iniziato ad approfondire. In un primo momento si ipotizzava che il problema fosse psicologico, causato dall’ansia o dalla depressione.

I pazienti però non sembravano né depressi né ansiosi, e così si è iniziato ad ipotizzare un legame diretto tra il virus e il problema in questione.

Il fatto che il Covid non interessi solo i polmoni è ormai un dato accertato. Siamo di fronte ad una malattia sistemica che interessa il cuore, i reni e altri organi. Il Long Covid ha effetti diffusi sull’organismo. Ora l’ipotesi è che tra i problemi legati al virus ci sia anche la disfunzione erettile.

Alcuni casi segnalati dopo il Covid sono anche gravi. Secondo alcuni studi sul problema, il rischio di sviluppare la disfunzione erettile può aumentare fino a sei volte nei soggetti che hanno contratto il virus.

Il legame tra Covid e disfunzione erettile non sorprende. Il pene è uno degli organi più vascolarizzati del corpo.

Si tratta di una sorta di effetto domino. Senza una sufficiente quantità di sangue, le cellule non hanno abbastanza ossigeno. Ne consegue una infiammazione dei tessuti ed una minore elasticità dei vasi. L’ossigeno è di fatto un elemento fondamentale anche per il corretto funzionamento dell’apparato riproduttivo maschile.

Alcuni dei problemi registrati sono:

difficoltà/incapacità di raggiungere o mantenere l’erezione;
dolore testicolare;
difficoltà/incapacità di raggiungere l’orgasmo;
bassi livelli di testosterone.

Questi problemi possono manifestarsi singolarmente o insieme.

I soggetti a rischio. In base a quelli che sono i dati a disposizione è possibile ricostruire una panoramica dei soggetti maggiormente a rischio: anziani; soggetti con problemi di ipertensione; obesi; diabetici; cardiopatici.

Non mancano casi di problemi manifestati da soggetti di giovane età apparentemente senza problemi di salute.

 

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)