L’ECDC stima che entro la fine di agosto la variante Delta rappresenterà il 90% di tutti i virus SARS-CoV-2 che circolano nell’UE.

 

La vaccinazione rimane una delle migliori misure di protezione contro il COVID-19. Le raccomandazioni per la vaccinazione sono in atto in tutti gli Stati membri e la vaccinazione è in corso. L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) esortano i cittadini dell’UE a vaccinarsi e ad aderire al numero raccomandato di dosi.

Ciò è particolarmente importante se si tiene conto della diffusione della variante Delta di SARS-CoV-2 (il virus che causa COVID-19), la necessità di proteggere i cittadini, in particolare quelli a rischio di COVID-19 grave, e il desiderio di aprire le nostre società e allentare le restrizioni.

 

Situazione attuale del COVID-19 nell’UE

La variante Delta (B.1.617.2) è una variante di preoccupazione che si sta diffondendo rapidamente in Europa e potrebbe seriamente ostacolare gli sforzi per controllare la pandemia. L’evidenza suggerisce che è dal 40% al 60% più trasmissibile rispetto alla precedente variante Alpha (Β.1.1.7) che è stata la prima variante importante nell’UE. Inoltre, la variante Delta può essere associata a un rischio più elevato di ospedalizzazione.

L’ECDC stima che entro la fine di agosto la variante Delta rappresenterà il 90% di tutti i virus SARS-CoV-2 che circolano nell’UE. Ciò rende essenziale per i paesi accelerare i programmi di vaccinazione, compresa la somministrazione di seconde dosi ove raccomandato, e colmare le lacune immunitarie e le opportunità per l’ulteriore emergere di varianti, il prima possibile.

L’adesione al ciclo di vaccinazione raccomandato, in linea con le informazioni sul prodotto, è fondamentale per beneficiare del più alto livello di protezione contro il virus. Man mano che la variante Delta si diffonde sempre più, viene sottolineata l’importanza di completare i percorsi consigliati. Prove preliminari suggeriscono che entrambe le dosi di un vaccino COVID-19 a 2 dosi come Comirnaty, Spikevax o Vaxzevria sono necessarie per fornire una protezione adeguata contro la variante Delta.

Il rischio di malattie gravi e mortalità causata da COVID-19 è maggiore per i gruppi di età più avanzata e quelli con altre condizioni patologiche di base, sottolineando la loro necessità di completare i percorsi di vaccinazione raccomandati. Tuttavia, ci sono ancora 10 paesi dell’UE/SEE in cui quasi il 30% o più degli individui di età superiore agli 80 anni non ha ancora completato il ciclo di vaccinazione raccomandato, secondo il Vaccine Tracker dell’ECDC.

Allo stesso modo, per proteggere le persone fragili e anziane in ambienti chiusi, come i pazienti ospedalizzati o i residenti in strutture di assistenza a lungo termine, in alcuni Paesi è necessario ulteriore lavoro per aumentare l’assorbimento del vaccino tra gli operatori sanitari e il personale di tali istituzioni. L’EMA e l’ECDC incoraggiano gli operatori sanitari e di assistenza ad accettare le offerte di vaccinazione il prima possibile, per proteggere sé stessi, le loro famiglie e coloro con cui lavorano e si prendono cura.

Per rispondere a queste esigenze e aumentare la copertura vaccinale, i Paesi possono adattare le proprie strategie, per esempio per quanto riguarda l’intervallo tra la prima e la seconda dose, in base alla situazione epidemiologica e alla circolazione delle varianti e all’evoluzione delle prove sull’efficacia del vaccino contro le varianti.

 

Utilizzo di un vaccino diverso per la seconda dose

Un altro adattamento che gli esperti responsabili dei programmi di vaccinazione in oltre la metà degli Stati membri hanno deciso, in considerazione delle loro situazioni nazionali, è quello di utilizzare vaccini diversi per la seconda dose da quelli utilizzati per la prima dose. Per esempio, in alcuni Paesi alle persone può essere offerta una seconda dose di un vaccino mRNA come Comirnaty o Spikevax dopo una prima dose del vaccino vettore adenovirale, Vaxzevria.

Una strategia di vaccinazione eterologa (a volte indicata come “mix and match”), in cui viene somministrato un vaccino diverso per la seconda dose in una schedula raccomandata a 2 dosi, è stata storicamente applicata per alcuni altri vaccini. Ci sono buone basi scientifiche per aspettarsi che questa strategia sia sicura ed efficace quando applicata alla vaccinazione contro il COVID-19. L’uso di una strategia di vaccinazione eterologa può consentire una protezione più rapida delle popolazioni e un uso migliore delle scorte di vaccini disponibili.

Attualmente, l’EMA e l’ECDC non sono in grado di formulare raccomandazioni definitive sull’uso di diversi vaccini COVID-19 per le due dosi. Tuttavia, i risultati preliminari di studi in Spagna, Germania e Regno Unito suggeriscono una risposta immunitaria soddisfacente e nessun problema di sicurezza. Ulteriori dati sono attesi a breve e l’EMA continuerà a esaminarli non appena saranno disponibili.

 

Sarà necessaria una dose di richiamo dopo aver completato il ciclo di vaccinazione raccomandato?

Al momento è troppo presto per confermare se e quando sarà necessaria una dose di richiamo per i vaccini COVID-19, perché non ci sono ancora abbastanza dati dalle campagne di vaccinazione e dagli studi in corso per capire quanto durerà la protezione dai vaccini, considerando anche la diffusione di varianti. Qualsiasi nuova prova che si renderà disponibile su questo argomento sarà rapidamente esaminata. I dati sull’efficacia nel mondo reale provenienti dall’Europa e da altre parti del mondo sono di particolare interesse per integrare i dati degli studi clinici che studiano le dosi di richiamo.

L’EMA sta anche collaborando con gli sviluppatori di vaccini per coordinare la presentazione di questi dati. Ciò dovrebbe garantire che le misure regolamentari per consentire la possibilità di utilizzare una dose di richiamo possano essere intraprese il prima possibile, qualora si rivelasse necessario.

 

Altre misure di protezione

Altre misure come l’uso della mascherina e il distanziamento sociale dovranno essere mantenute a un livello sufficiente a contenere la trasmissione comunitaria della variante Delta fino a quando un maggior numero di popolazioni non sarà completamente vaccinato, al fine di evitare una recrudescenza dei casi con un possibile aumento dei ricoveri e deceduti. I cittadini dovrebbero seguire i consigli nazionali per proteggere sé stessi e gli altri.

 

 

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)