Il Covid-19 descritto all’inizio del suo contagio e prima di essere trattato in due casi di tumore al polmone in Cina.

 

 

Il lavoro pubblicato il 27 febbraio 2020 sulla rivista Journal of Thoracic Oncology, descrive i risultati delle biopsie effettuate su due pazienti affetti da cancro ai polmoni. L’obiettivo era descrivere qualcosa di mai osservato, cioè i mutamenti cellulari all’inizio dell’infezione. Il caso ha messo nelle mani i tessuti di due biopsie polmonari che hanno rappresentato, nel loro studio, un nuovo tassello alla storia del Coronavirus. L’opportunità è stata colta dai patologi di Chicago insieme ai colleghi cinesi. Che hanno potuto veramente osservare come si presenta la patologia virale precocemente.

Il team internazionale di clinici e ricercatori è quindi riuscito a descrivere la patologia della SARS-CoV-2, o coronavirus, e pubblicarne i risultati sul Journal of Thoracic Oncology, la rivista dell’Associazione internazionale per lo studio del cancro al polmone. Le firme: Shu-Yuan Xiao, dell’Università di Chicago, e un team di clinici dell’ospedale Zhongnan, dell’Università di Wuhan in Cina. “Questo è il primo studio per descrivere la patologia della malattia causata dalla SARS-CoV-2 o dalla polmonite COVID-19, dal momento che finora non sono state eseguite autopsie o biopsie – afferma Xiao -. L’unica descrizione della patologia della fase iniziale della malattia dovuta a questa rara coincidenza. Difficile che si verifichino in futuro circostanze simili. Le autopsie infatti potrebbero mostrare solo cambiamenti tardivi o finali della malattia virale”.

I due pazienti sono stati recentemente sottoposti a lobectomie polmonari per adenocarcinoma, le biopsie sono state eseguite prima delle lobectomie e, in seguito, al momento dell’intervento è stata scoperta anche un’infezione da Covid-19. Gli esami istopatologici hanno rivelato che, a parte il tumore, i polmoni di entrambi i pazienti presentavano edema, essudato proteico, iperplasia focale reattiva dei pneumociti con infiltrazione cellulare infiammatoria irregolare e cellule giganti multinucleate.

Trombi fibroblastici, simili a tappi, sono stati notati negli spazi aerei. “Poiché entrambi i pazienti non presentavano sintomi di polmonite al momento dell’intervento chirurgico, questi cambiamenti probabilmente rappresentano una fase iniziale della patologia polmonare della polmonite COVID-19”, spiega Xiao.

CASO 1. Una paziente di 84 anni con un tumore che misurava 1,5 centimetri nel lobo medio destro del polmone. Il tumore è stato scoperto alla Tac del torace. Aveva una storia medica passata di ipertensione per 30 anni e di diabete di tipo 2. Nonostante il trattamento completo, l’ossigenazione assistita e altre cure di supporto, le condizioni della paziente sono peggiorate e lei è morta. Le successive informazioni cliniche hanno confermato che è stata esposta a un’altra paziente, nella stessa stanza, successivamente trovata infetta dal nuovo coronavirus.

CASO 2. Paziente maschio di 73 anni ricoverato per un intervento chirurgico per il cancro del polmone nel lobo inferiore destro del polmone. Aveva una storia medica passata di ipertensione per 20 anni, curata in modo adeguato. Nove giorni dopo l’intervento chirurgico ai polmoni ha manifestato febbre con tosse secca, oppressione toracica e dolore muscolare. Il test per SARS-CoV-2 è risultato positivo. Si è ripreso gradualmente ed è stato dimesso dopo venti giorni di trattamento nell’unità di malattia infettiva.

Secondo lo studio, queste due incidenze caratterizzano anche uno scenario comune durante la prima fase dell’epidemia di SARS-CoV-2, durante la quale un numero significativo di operatori sanitari è stato infettato negli ospedali di Wuhan, e i pazienti nella stessa stanza si sono contagiati tra loro o da fonti infettive allora non note e rimaste sconosciute.

La presenza di lesioni polmonari precoci, giorni prima che i pazienti sviluppassero sintomi, corrisponde al lungo periodo di incubazione (di solito 3-14 giorni) del Covid-19. Questo ha reso difficile prevenire la trasmissione virale durante i primi giorni del focolaio e per questo anche molti operatori sanitari a Wuhan sono stati infettati, e hanno infettato, visitando e assistendo i pazienti senza le precauzioni per le malattie infettive. Ad oggi più di 15 medici a Wuhan sono morti di Covid-19, contagiati mentre si prendevano cura dei pazienti. Medici tutti di sana costituzione, senza altre patologie. Uno dei medici morti aveva 29 anni.

Sono in corso ulteriori studi da parte del team di Xiao sulla patologia Covid-19 attraverso biopsie post-mortem, che dovrebbero fornire dati sui cambiamenti tardivi di questa malattia.

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.