I nostri amici pelosi riescono a riconoscere suoni e vocalizzi emessi dai loro padroni o da altri loro simili anche nelle fasi di sonno profondo, proprio come fanno gli esseri umani: in uno studio condotto in Ungheria, i cani hanno prodotto risposte neurali a ogni stimolo mentre erano svegli, mentre erano assonnati e durante il sonno non-REM, con intensità variabili e tempi di risposta leggermente più lunghi in ogni fase successiva.

 

 

La maggior parte dei cani risponde in modi specifici a determinate vocalizzazioni, come un altro cane che abbaia o gli umani che usano determinati toni di voce. Naturalmente, tutto questo accade mentre i cani sono svegli.

Ora, un nuovo studio suggerisce che possono anche elaborare vocalizzazioni durante il sonno. Il lavoro è stato pubblicato su Scientific Reports.

Un team di ricercatori dell’Università ELTE Eötvös Loránd; Gruppo di ricerca sull’etologia comparata ELKH-ELTE; e il Centro di ricerca per le scienze naturali, Istituto di neuroscienze cognitive e psicologia, tutti a Budapest, in Ungheria, hanno condotto un piccolo studio esplorativo in cui hanno misurato i potenziali correlati agli eventi (ERP, un termine per risposte neurali misurabili) nei cani alle vocalizzazioni dei membri della famiglia umana e di altri cani mentre i soggetti dormivano.

La ricerca esistente sul comportamento canino supporta l’uso dei cani come buoni modelli per studi di neurobiologia comparata.

Gli studi hanno dimostrato che, proprio come gli esseri umani, i cani in stato di veglia rispondono con comportamenti diversi a seconda della valenza (livelli di positività e negatività) delle vocalizzazioni che sentono.

Possono correlare le vocalizzazioni di cani e umani con le rispettive espressioni facciali e con immagini appropriate.

Inoltre, nei cani e negli esseri umani, il sonno ha dimostrato di essere importante per l’elaborazione emotiva e il consolidamento della memoria.

In questo studio, i ricercatori volevano sapere se i cani in varie fasi del sonno avrebbero mostrato risposte diverse a stimoli di diverse valenze, in questo caso, umani e altri cani.

Hanno ipotizzato che i soggetti della ricerca avrebbero mostrato sensibilità per entrambi, e hanno reclutato proprietari e cani (dimensione del campione = 13) dal database del Family Dog Project presso il Dipartimento di Etologia dell’Università Eötvös Loránd.

Il team di ricerca ha misurato le risposte neurali dei cani solo con elettrodi di superficie, un metodo EEG indolore e non invasivo.

Per posizionare gli elettrodi, hanno ottenuto la cooperazione dei cani attraverso il rinforzo positivo (lodi e dolcetti).

Ogni cane è stato testato individualmente e, poco prima dell’inizio del test, il cane si è sistemato per il suo pisolino quotidiano con il suo proprietario seduto al suo fianco.

Da un’altra stanza, mentre il cane era in stato di veglia, sonnolenza e sonno non REM, un membro del team di ricerca ha riprodotto registrazioni di vocalizzazioni non verbali di esseri umani e cani, ognuno dei quali era stato precedentemente valutato come avente valenza positiva o neutra.

Per evitare di spaventare o svegliare i cani, non sono stati inclusi suoni di valenza estremamente negativa. Ogni file audio durava un secondo e ciascuno veniva riprodotto allo stesso volume.

Le vocalizzazioni positive dei cani includevano ringhi, grugniti, gemiti, pantaloni e gemiti; mentre le vocalizzazioni neutre includevano latrati, grugniti, gemiti e urla.

Dagli umani, le vocalizzazioni positive includevano suoni generali e risate; Neutro includeva tosse, suoni generali, gemiti, sospiri e sbadigli. Non sono state incluse vocalizzazioni verbali umane, né sono stati inclusi suoni con sfumature sessuali, come gemiti.

L’intensità delle risposte dei cani è stata registrata in millisecondi e ogni sessione di test è durata circa tre ore.

I cani hanno prodotto risposte neurali a ogni stimolo mentre erano svegli, mentre erano assonnati e durante il sonno non-REM, con intensità variabili e tempi di risposta leggermente più lunghi in ogni fase successiva.

Nonostante le limitazioni tra cui le piccole dimensioni dello studio, la raccolta incompleta di dati da alcuni dei soggetti e una serie di artefatti che non supportavano confronti diretti delle fasi del sonno, i risultati mostrano chiaramente che gli ERP possono verificarsi nei cani durante stati di sonnolenza e sonno non REM e che il cervello dei cani è in grado di elaborarli in base alle specie e ai fattori di valenza. Simile al modo in cui gli esseri umani possono elaborare determinati suoni mentre dormono.

“Questa scoperta è significativa”, afferma la ricerca, “nella misura in cui è la prima prova di una complessa elaborazione uditiva durante il sonno nei cani”.

In effetti, questi risultati ampliano la nostra conoscenza delle capacità di elaborazione neurale dei cani e forniscono una base per ulteriori studi in questo settore.