Alcuni biomarcatori nel sangue possono essere correlati al rischio di malattie psichiatriche‎, secondo uno studio effettuato con tecniche di epidemiologia genetica.

 

 

‎Gli scienziati hanno trovato prove di biomarcatori nel sangue legati a gravi malattie psichiatriche, secondo un nuovo studio di associazione genome-wide (GWAS) basato su precedenti indagini genetiche e dati comportamentali di oltre 300.000 persone.

William Reay dell’università di Newcastle e colleghi hanno osservato correlazioni significative tra il 61% dei tratti biochimici testati e almeno un tratto psichiatrico. In particolare, i ricercatori hanno trovato forti prove che la proteina C-reattiva (CRP), un biomarcatore dell’infiammazione cronica, può essere collegata ad un aumentato rischio di disturbo depressivo maggiore, ma ha ridotto il rischio di anoressia nervosa, disturbo ossessivo compulsivo e schizofrenia.

I risultati di questo studio e di altri esami sembrano contraddire le precedenti prove osservazionali secondo cui la CRP è elevata nelle persone con schizofrenia. Mentre gli scienziati sono stati a lungo interessati a esplorare la relazione tra biomarcatori basati sul sangue e disturbi psichiatrici, è stato difficile determinare l’effetto dei tratti biochimici negli studi osservazionali.

Precedenti studi GWAS, che cercano associazioni tra varianti genetiche e tratti attraverso i genomi di molte persone, hanno già identificato con successo regioni del genoma associate a disturbi psichiatrici.

Per esplorare la relazione tra biomarcatori basati sul sangue e tratti psichiatrici, gli scienziati hanno testato la correlazione genetica tra un pannello di precedenti dati GWAS della UK Biobank e 10 precedenti studi psichiatrici GWAS.

I risultati hanno dimostrato una chiara evidenza di sovrapposizione genetica tra biomarcatori nel sangue e tratti psichiatrici, compresi gruppi di misure biochimiche che tendevano a correlarsi con profili psichiatrici simili.

“Sebbene il metodo GWAS abbia una serie di limitazioni, consente un’importante opportunità di dare priorità ai tratti biochimici che sono presumibilmente clinicamente rilevanti in psichiatria e di idirizzare studi futuri su questi tratti”, scrivono gli autori.‎

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Leggi anche: