Uno studio sui topi‎ condotto alla Washington University School of Medicine di St. Louis apre la strada alla sperimentazione sull’uomo.

 

 

‎Il tumore del pancreas è uno dei più aggressivi e mortali e noto per la sua resistenza praticamente a tutti i tipi di trattamento, comprese le nuove immunoterapie.‎

‎Un nuovo studio – sui topi – della Washington University School of Medicine di St. Louis suggerisce che il blocco di un importante percorso infiammatorio che viene attivato nel cancro del pancreas rende i tumori sensibili alla chemioterapia e un tipo di immunoterapia che spinge le cellule T del sistema immunitario ad attaccare le cellule tumorali. La terapia ha più che raddoppiato la sopravvivenza in un modello murino di cancro al pancreas.‎

‎I risultati dello studio, pubblicati il 7 marzo sulla rivista ‎‎Gastroenterology, forniscono ulteriore‎‎ supporto per il razionale alla base di un nuovo studio clinico che valuterà la stessa strategia di trattamento nei pazienti con adenocarcinoma duttale pancreatico, il tumore maligno più comune del pancreas. I ricercatori prevedono di arruolare circa 50 pazienti negli Stati Uniti.‎

‎I ricercatori della Washington University presso il ‎‎Siteman Cancer Center‎‎ del Barnes-Jewish Hospital e la Washington University School of Medicine guideranno lo studio nazionale che fa parte della rete di studi clinici sperimentali terapeutici del National Cancer Institute (NCI), una collaborazione di industria, centri medici accademici e ricercatori focalizzati sulle prime indagini cliniche di terapie innovative contro il cancro. La rete comprende più di 30 siti clinici negli Stati Uniti e in Canada.‎

‎”I risultati di questo studio sono promettenti in quanto hanno mostrato un modo per sfondare le difese di questo tipo di tumore, rendendolo suscettibile alle nostre terapie, comprese le combinazioni di chemioterapia e nuove immunoterapie che stimolano le cellule T a combattere il cancro”. ha detto l’autore senior ‎‎Kian-Huat Lim‎‎, professore associato di medicina.

‎I ricercatori, tra cui il primo autore Vikas Somani, un ricercatore associato post-dottorato nel laboratorio di Lim nella ‎‎Divisione di Oncologia del‎‎ ‎‎Dipartimento di Medicina‎‎, hanno scoperto che una proteina chiamata IRAK4 guida l’infiammazione nei tumori pancreatici e porta al logoramento delle cellule T, il che significa che le cellule T non possono funzionare come dovrebbero per attaccare le cellule nocive, incluso il cancro.

I ricercatori hanno testato un inibitore IRAK4, chiamato CA-4948, e hanno scoperto che il trattamento riduceva la segnalazione infiammatoria nei tumori nei topi e migliorava la capacità delle cellule T di infiltrarsi nei tumori e uccidere le cellule tumorali pancreatiche.

La terapia ha anche sensibilizzato i tumori a un tipo di immunoterapia chiamata immunoterapia checkpoint, che “toglie i freni” alle cellule T, migliorando la loro capacità di attaccare le cellule tumorali.‎

‎I ricercatori hanno scoperto che l’inibitore IRAK4 chiude un percorso chiave chiamato NF-kappaB, che è noto da tempo per i suoi ruoli nel guidare il cancro. Molte ricerche si concentrano sulla chiusura di questo percorso e dei suoi effetti a valle dopo che è stato attivato. Un nuovo elemento di questa terapia è che l’inibitore IRAK4 impedisce in primo luogo che il percorso dannoso venga attivato.‎

‎Nei topi con un modello aggressivo comune di cancro al pancreas, i ricercatori hanno scoperto che l’inibitore IRAK4 da solo aumentava la sopravvivenza rispetto a un placebo o alla chemioterapia. In combinazione, l’inibitore IRAK4 più la chemioterapia hanno aumentato ulteriormente la sopravvivenza rispetto al placebo o alla chemioterapia da soli.

Inoltre, quando combinato con due immunoterapie, l’inibitore IRAK4 ha esteso significativamente la sopravvivenza da una media di 25 giorni con l’inibitore da solo a una media di 46 giorni con l’inibitore più la combinazione di immunoterapia. Alcuni dei topi sono sopravvissuti fino a 100 giorni con la terapia di combinazione.‎

‎L’inibitore IRAK4 è già in studi clinici per l’uso contro i tumori del sangue.‎

‎”Non vediamo l’ora di iniziare la sperimentazione clinica nazionale di questo farmaco in pazienti con cancro al pancreas – lo studio è una traduzione diretta di questo particolare documento”, ha detto ‎‎Haeseong Park, professore associato di medicina e ricercatore principale del nuovo studio. “Siamo entusiasti di lavorare con l’NCI e i siti clinici nella rete di studi clinici sperimentali terapeutici in modo da poter sfruttare la nostra innovativa scienza locale e portarla a livello nazionale”.‎

‎Presto, il team di Park inizierà anche uno studio a centro singolo presso il Siteman Cancer Center per testare la sicurezza e l’efficacia dell’inibitore IRAK4 CA-4948 nel tumore gastrico.‎

Immagine: LIM LAB

 

 

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

.