Per la prima volta osservato il transito di una stella estranea in un sistema di astri in formazione.

 

Cogliere un intruso che attraversa un sistema stellare in formazione e lo perturba, causando la formazione di flussi caotici e allungati di polvere e gas nel disco che lo circonda, è un po’ come riuscire a fare la foto di un fulmine che colpisce un albero.

Così Ruobing Dong, astronomo dell’Università di Victoria in Canada, ha equiparato il lavoro fatto da lui e colleghi utilizzando il sistema di telescopi ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) e Karl G. Jansky Very Large Array (VLA) osservando nel sistema stellare Z Canis Majoris (Z CMa a 3750 anni luce nella costellazione del Cane Maggiore).

Gli astronomi infatti hanno effettuato una rara rilevazione di un probabile evento di flyby (passaggio ravvicinato)  stellare: un oggetto estraneo, non legato al sistema, si è avvicinato e ha interagito con l’ambiente che circondava una protostella binaria.

‎Tali eventi erano stati precedentemente osservati con una certa regolarità nelle simulazioni di formazione stellare al computer e, fino ad ora, rimasti in gran parte teorici. ‎

‎”Le prove osservative degli eventi flyby sono rare da ottenere perché accadono velocemente ed è difficile catturarli in azione. Questa scoperta dimostra che gli incontri ravvicinati tra giovani stelle avvengono veramente, e non sono solo situazioni teoriche viste nelle simulazioni al computer”. ‎

‎Le perturbazioni, o disturbi, come quelli di Z CMa, non sono tipicamente causati da intrusi, ma piuttosto da stelle sorelle che crescono insieme nello spazio. Hau-Yu Baobab Liu, astronomo presso l’Istituto di Astronomia e Astrofisica dell’Academia Sinica di Taiwan e co-autore dell’articolo, ha dichiarato: “Molto spesso, le stelle non si formano da sole. I gemelli, o anche le terzine o i quartetti nati insieme possono essere attratti gravitazionalmente e, di conseguenza, avvicinarsi l’un l’altro”.

Durante questi momenti, parte del materiale può essere rimosso dai dischi protoplanetari delle stelle per formare flussi di gas estesi che forniscono indizi agli astronomi sulla storia degli incontri stellari passati.‎

‎Nicolás Cuello, astrofisico e Marie Curie Fellow presso l’Université Grenoble Alpes in Francia e co-autore dell’articolo, ha aggiunto che nel caso di Z CMa, è stata la morfologia, o struttura, di questi flussi che ha aiutato gli scienziati a identificare e individuare l’intruso. “Quando si verifica un incontro stellare, questo provoca cambiamenti nella morfologia del disco – spirali, deformazioni, ecc. – che potrebbero essere considerati come impronte digitali”. ‎

‎Queste non solo hanno aiutato gli scienziati a identificare l’intruso, ma li hanno anche portati a considerare cosa potrebbero significare queste interazioni per il futuro di Z CMa e dei pianeti in formazione nel sistema, un processo che finora è rimasto un mistero per gli scienziati.

“Quello che ora sappiamo con questa nuova ricerca è che gli eventi di flyby si verificano in natura e che hanno un impatto importante sui dischi circumstellari gassosi, che sono le culle di nascita dei pianeti che circondano le stelle neonate”, ha detto Cuello.

‎Liu ha aggiunto: “Questi perturbatori non solo causano flussi gassosi, ma possono anche avere un impatto sulla storia termica delle stelle ospiti coinvolte, che possono portare a eventi violenti come esplosioni di accrescimento e anche avere un impatto sullo sviluppo del sistema stellare complessivo in modi che non abbiamo ancora osservato o definito”.‎

‎Dong spiega che studiare l’evoluzione e la crescita dei giovani sistemi stellari in tutta la galassia aiuta gli scienziati a comprendere meglio l’origine del nostro Sistema Solare.

“Studiare questi tipi di eventi offre una finestra sul passato, incluso ciò che potrebbe essere accaduto nel primo sviluppo del nostro Sistema Solare. Guardare questi eventi svolgersi in un sistema stellare di nuova formazione ci fornisce le informazioni necessarie per dire: questo è ciò che potrebbe essere successo al Sistema Solare molto tempo fa”. In questo momento, VLA e ALMA ci hanno dato le prime prove per risolvere questo mistero, e le prossime generazioni di queste tecnologie apriranno finestre sull’Universo che abbiamo ancora solo sognato”.‎

 

 

 

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

.