Vaccino Covid

 

 

Il comitato per la sicurezza dell’EMA continua le indagini sul vaccino COVID-19 AstraZeneca e sugli eventi tromboembolici.

 

Diverse autorità responsabili delle campagne vaccinali nazionali nei paesi dell’UE hanno temporaneamente sospeso la vaccinazione con il vaccino COVID-19 AstraZeneca. Questa è una precauzione presa alla luce della loro situazione nazionale mentre l’EMA indaga su una serie di eventi di coaguli di sangue in persone che avevano ricevuto il vaccino, come riportato in precedenza.

Eventi che coinvolgono coaguli di sangue, alcuni con caratteristiche insolite come un basso numero di piastrine, si sono verificati in un numero molto limitato di persone che hanno ricevuto il vaccino. Molte migliaia di persone sviluppano coaguli di sangue ogni anno nell’UE per diversi motivi. Il numero di eventi tromboembolici complessivi nelle persone vaccinate non sembra essere superiore a quello osservato nella popolazione generale.

L’EMA sta lavorando a stretto contatto con l’azienda, con esperti in malattie del sangue e con altre autorità sanitarie, tra cui l’MHRA del Regno Unito, sulla base della sua esperienza con circa 11 milioni di dosi somministrate del vaccino.

L’indagine dell’EMA è proseguita nel fine settimana e nei prossimi giorni verrà condotta un’analisi rigorosa di tutti i dati relativi agli eventi tromboembolici. Gli esperti stanno esaminando in dettaglio tutti i dati disponibili e le circostanze cliniche che circondano casi specifici per determinare se il vaccino potrebbe aver contribuito o se è probabile che l’evento sia stato dovuto ad altre cause. Il comitato per la sicurezza dell’EMA (PRAC) esaminerà ulteriormente le informazioni domani (martedì) e ha convocato una riunione straordinaria giovedì 18 marzo per concludere le informazioni raccolte e qualsiasi ulteriore azione che potrebbe essere necessaria.

La pandemia COVID-19 è una crisi globale, con un impatto sanitario, sociale ed economico devastante e continua a rappresentare un grave fardello per i sistemi sanitari dell’UE. I vaccini per COVID-19 aiutano a proteggere le persone dall’ammalarsi, in particolare gli operatori sanitari e le popolazioni vulnerabili, come le persone anziane o quelle con malattie croniche. Mentre la sua indagine è in corso, l’EMA rimane attualmente dell’opinione che i benefici del vaccino AstraZeneca nella prevenzione del COVID-19, con il rischio associato di ospedalizzazione e morte, superano i rischi di effetti collaterali.

Nel frattempo, chiunque abbia ricevuto il vaccino e abbia dubbi deve contattare un operatore sanitario appropriato. È importante che le persone che sospettano di avere un effetto collaterale dopo la vaccinazione lo riferiscano all’autorità nazionale di regolamentazione dei medicinali o a un operatore sanitario che possa aiutarli a farlo.

 

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.