Un nuovo studio ha individuato l’origine delle variazioni di temperatura periodiche nel nord Atlantico.

 

Da anni si dibatte se le oscillazioni di temperatura superficiale dell’oceano Atlantico compreso tra l’equatore e la Groenlandia (chiamate AMO, Atlantic Multidecadal Oscillation) siano o no di origine antropica.

Le analisi dei carotaggi di ghiaccio in Groenlandia hanno mostrato una variazione quasi periodica – ogni 50/70 anni – dell’indice AMO negli scorsi secoli. La causa non è però stata individuata e alcuni scienziati la vorrebbero far risalire alle attività umane.

Ma non è così. Come riportato sull’ultimo numero della rivista Science, ricercatori dell’università della Pennsylvania hanno studiato l’evoluzione del clima dell’ultimo millennio con una suite di simulazioni climatiche molto accurate.

Hanno così scoperto che le variazioni della temperatura superficiale del nord Atlantico nell’era preindustriale sono state indotte dalle esplosive eruzioni vulcaniche tropicali e che tale è la causa anche per le oscillazioni dell’era in cui viviamo.

 

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.