È fatto di ferro e modellato dalla intensa forza di gravità della sua stella.

 

Tra tutte le caratteristiche esotiche dei pianeti extrasolari, una è balzata immediatamente all’attenzione degli astronomi: la forma insolita, fatta a pallone ovale.  E’ stata infatti attribuita a KOI 1843.03, situato a 395 anni luce da noi e che orbita una nana rossa, una stella molto più piccola (circa la metà) e meno luminosa del Sole.

I dati raccolti mostrano che KOI 1843.03 ha la massa circa il 44% quella della Terra e un diametro del 60%, ma la cosa interessante è un’altra: orbita vicinissimo alla sua stella, a una distanza così breve che finora non è stato mai osservato in nessun altro pianeta.

Compie un’orbita ogni 4 ore: un anno sul pianeta dura praticamente un sesto di un giorno. Per resistere alla tremenda forza mareale esercitata dalla stella e non essere smembrato, KOI 1843.03 deve quindi essere composto da materiale duttile e denso. Secondo gli astrofisici sarebbe fatto per il 66% di ferro (la Terra è il 32%).

Con questi dati gli scienziati hanno elaborato una simulazione 3D per capire quali sono gli effetti di una così forte attrazione gravitazionale esercitata dalla stella sul pianeta.

Ed è così emerso che KOI 1843.03 è modellato dalla gravità a forma di pallone da football, con la punta rivolta verso la stella e un’eccentricità di 1,8 (un uovo ha 1,3).

Ciò suggerisce che questa forma deve essere molto diffusa tra gli esopianeti con composizione simile, cioè fatti per la maggior parte di ferro e che orbitano molto vicino la propria stella.

La scoperta può essere utile per la futura individuazioni di pianeti di forma simile tramite l’ombra che proiettano sulla stella, che è molto differente da quella prodotta da pianeti sferici.

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.