L’andamento del contagio secondo l’esperto.

 

 

Un nuovo rapporto sui dati Covid-19 al 18 marzo dall’Italia, preparato da un esperto italiano per la Società europea di anestesiologia (ESA), afferma che il tasso di aumento del numero di pazienti in terapia intensiva con Covid-19 in Italia potrebbe già aver raggiunto il picco in Lombardia ma deve ancora raggiungerlo in Italia nel suo insieme. Il rapporto è di Davide Manca, professore di ingegneria dei sistemi di processo al Politecnico di Milano.

Manca spiega che il numero di pazienti in terapia intensiva con Covid-19 (NICUC) inizia con una tendenza esponenziale, con numeri che raddoppiano in intervalli di 2-4 giorni, con questa esplosione osservata per un lungo periodo, circa fino a 16-18 giorni. Dopo, ci sono altri 3-4 giorni in cui viene continuata la massima velocità di aumento, chiamata punto di flesso. I dati di questo rapporto risalgono al giorno 26esimo della pandemia, mercoledì 18 marzo. Manca afferma che i dati mostrano che questo punto di flesso è stato raggiunto il giorno 19esimo in Lombardia e il giorno 22esimo in Italia. I pazienti che sopravvivono all’infezione trascorrono in media 15 giorni in terapia intensiva (ICU) e almeno 10 giorni non in terapia intensiva.

Il numero di letti di terapia intensiva in Italia continua a cambiare. Inizialmente, c’erano 500 posti letto in terapia intensiva pubblica (ICU) in Lombardia e 140 posti letto privati ​​in terapia intensiva. Tuttavia, ora ce ne sono più di 900. Altre Regioni dell’Italia centrale e meridionale hanno 10-12 giorni di ritardo rispetto alla posizione della Lombardia e queste Regioni si stanno impegnando per aumentare la loro capacità, per esempio convertendo altri reparti in terapia intensiva. Ovviamente si tratta di una stima di possibili casi gravi.

“La differenza tra la Lombardia e il resto d’Italia al momento sembra dovuto solo alle misure restrittive di movimento e di contatto tra le persone adottate prima in Lombardia e poi altrove in Italia”, spiega Manca. “Ogni giorno conta. Dopo il punto di flesso, il tasso di aumento rallenta sebbene i numeri complessivi continuino ad aumentare costantemente. Tuttavia, il tasso di aumento rallenta progressivamente fino a quando non si appiattisce, senza ulteriore aumento del tasso di persone che si sottopongono a terapia intensiva. La stima di quando ciò avverrà in Italia in base ai dati è che il termine dell’aumento dei casi da terapia intensiva avverrà tra i giorni 38esimo e 40esimo di pandemia, cioè nei primi giorni di aprile”. Ma, aggiunge Manca, “questa previsione è un’estrapolazione dei dati e dovrebbe essere interpretata con cautela e dipenderà dall’efficacia delle misure di quarantena nelle prossime due settimane. Come mostrano vari rapporti, molte persone in Italia non rispettano le regole di quarantena e di allontanamento sociale”.

Ha anche preparato un elenco di osservazioni dai dati:

  • Inizialmente il NICUC raddoppia in meno di 3 giorni, quindi il tempo di raddoppio del NICUC si allunga ma il miglioramento è piuttosto lento (cioè ogni giorno il tempo di raddoppio guadagna poche ore). Dopo tre-quattro settimane, il tempo di raddoppio è conservativamente di 4-5 giorni.

 

  • I dispositivi CPAP (pressione positiva delle vie aeree) possono ritardare l’insufficienza respiratoria, aiutando il personale medico (anche esperti non in terapia intensiva) a evitare l’ammissione in terapia intensiva quando l’intubazione non è fattibile o disponibile. I dispositivi CPAP sono tipi di ventilatori utilizzati per trattare condizioni come l’apnea ostruttiva del sonno e di solito non utilizzati nelle impostazioni di terapia intensiva. Tuttavia, sebbene non siano la prima scelta per la ventilazione automatica, possono essere utilizzati in casi gravi ma non critici e quando non sono disponibili letti per terapia intensiva. Inoltre, gli infermieri con una formazione regolare possono utilizzare questi dispositivi, non sono richiesti esperti in terapia intensiva.

 

  • Un punto critico può diventare la pressione dell’ossigeno nelle linee di distribuzione a causa dell’elevato numero di pazienti che utilizzano dispositivi di respirazione.

 

  • I reparti utilizzati per altri scopi possono essere modificati per la terapia intensiva. Questo può essere fatto in pochi giorni o anche poche ore. Richiede un ottimo coordinamento tra le persone con capacità logistiche. In Italia, gli ospedali sono stati completamente sopraffatti nell’assegnazione di nuovi letti in terapia intensiva. Il problema più difficile è l’allocazione corretta delle risorse umane e delle competenze per la gestione delle apparecchiature in terapia intensiva e dei pazienti in condizioni critiche.

 

  • Nel caso in cui le mascherine protettive si stiano esaurendo, è possibile riutilizzarle dopo un’adeguata sterilizzazione (meglio se si può evitare).

 

  • Le donazioni finanziarie private possono aiutare molto nella creazione di letti di terapia intensiva in pochi giorni, aggirando la burocrazia e le lente decisioni degli enti pubblici.

 

  • I pazienti in terapia intensiva (Covid-19 o non-Covid-19) possono essere trasferiti in altri ospedali, all’interno o all’esterno della Regione.

 

  • Esiste generalmente una percentuale molto più elevata di pazienti maschi in terapia intensiva a causa di Covid-19 rispetto alle donne, sebbene il numero esatto vari da ospedale ad ospedale. Le comorbidità svolgono un ruolo significativo ma non sempre. In un ospedale è stata osservata un’alta percentuale di pazienti in terapia intensiva sovrappeso e obesi.

 

  • Come per altri Paesi, può verificarsi una carenza di medici e infermieri poiché alcuni di essi possono essere infettati. Tutti i Paesi hanno la possibilità di richiamare medici e infermieri in pensione e di assumere medici laureati che non hanno ancora ricevuto la licenza di abilitazione.

 

Manca conclude: “Se altri Paesi vogliono avere abbastanza letti in terapia intensiva per curare tutti i pazienti Covid-19 che stanno per arrivare nei loro ospedali, devono ridurre il picco dello tsunami dei casi in arrivo. Il modo più efficace per farlo è applicare le misure di quarantena e di allontanamento sociale molto rigorose dell’Italia e assicurarsi che siano rispettate”.

Kai Zacharowski, presidente dell’ESA, direttore del dipartimento di anestesia, terapia intensiva e terapia del dolore, ospedale universitario di Francoforte, in Germania, sottolinea che la carenza di letti di terapia intensiva riguarda tutta l’Europa: “Nell’ultimo decennio in tutta Europa abbiamo ridotto i letti degli ospedali, compresi i letti di terapia intensiva. E ora ci stiamo rendendo conto che non ne abbiamo abbastanza. Se avessimo organizzato e distribuito le attrezzature al momento giusto, i Paesi avrebbero potuto essere in grado di evitare la situazione che sta paralizzando l’Italia. E ora, improvvisamente, si corre ai ripari: c’è fretta di ordinare attrezzature come i ventilatori, che le aziende faticano a fornire a causa dell’interruzione nella fornitura di componenti dalla Cina”.

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.