Ecco come l’EMA sta rispondendo alla crisi mondiale sulla nuova malattia.

 

Per contribuire alla risposta globale allo scoppio delle nuove infezioni da coronavirus (2019-nCoV), l’EMA sta prendendo misure concrete per accelerare lo sviluppo e la disponibilità di medicinali per il trattamento e la prevenzione del nuovo coronavirus.

“L’EMA ha attivato il suo piano per la gestione delle minacce sanitarie emergenti”, afferma Guido Rasi, direttore esecutivo dell’Agenzia. “Il nuovo coronavirus è stato dichiarato un’emergenza di salute pubblica di interesse internazionale dall’Organizzazione mondiale della sanità e stiamo attingendo alla forte competenza della rete europea di medicinali per fornire consulenza scientifica accelerata e fornire un rapido riscontro su tutti gli sviluppi della medicina proposti. ”

L’Agenzia sta esaminando il panorama alla ricerca di potenziali antivirali o vaccini per il trattamento o la prevenzione di nuove infezioni da coronavirus. L’EMA sta inoltre analizzando tutte le informazioni disponibili sulle pipeline di farmaci degli sviluppatori. Come per qualsiasi minaccia emergente per la salute pubblica, l’EMA collabora e scambia informazioni con le autorità sanitarie pubbliche dell’UE, in particolare la Commissione europea, il Comitato per la sicurezza sanitaria e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), l’Organizzazione mondiale della sanità e altri regolatori internazionali, in particolare attraverso la Coalizione internazionale delle autorità di regolamentazione (ICMRA).

Al momento non ci sono medicinali disponibili in commercio che sono autorizzati a rilevare, trattare o prevenire le infezioni con il nuovo coronavirus. EMA è pronta a supportare gli sviluppatori di farmaci con tutti gli strumenti normativi disponibili per far avanzare e accelerare lo sviluppo di misure efficaci per combattere e prevenire la diffusione di questo virus.

Gli sviluppatori che lavorano su medicinali o vaccini che potrebbero essere utilizzati per il trattamento o la prevenzione di nuove infezioni da coronavirus 2019-nCoV sono incoraggiati a contattare l’Agenzia e discutere la loro strategia per la generazione di prove il più presto possibile. Possono contattare l’EMA inviando un’e-mail a 2019-nCoV@ema.europa.eu per le discussioni iniziali con i regolatori dell’UE.

Il 2019-nCoV identificato a Wuhan, in Cina a dicembre 2019, è un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato mai visto in precedenza nell’uomo. Sebbene la fonte primaria più probabile di questo focolaio sia di origine animale, la trasmissione da uomo a uomo è confermata e sono in corso indagini per determinare tutte le fonti e le modalità di trasmissione del virus 2019-nCoV. Sono stati rilevati casi in diversi paesi in Asia, Australia, Europa e Nord America. È probabile un’ulteriore diffusione globale. Le autorità dell’UE forniranno ulteriori aggiornamenti non appena saranno disponibili ulteriori informazioni.

L’EMA ha pubblicato ulteriori informazioni sul nuovo coronavirus sul suo sito Web che elenca anche gli sforzi dell’Agenzia in risposta a questo focolaio e fornisce informazioni chiave sui processi e sulle procedure in atto per aiutare gli sviluppatori.

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.