Tre studi associano l’epatite al virus adeno-associato 2.

 

L’aumento dei casi di epatite inspiegabile tra i bambini, iniziato nel 2022, è legato a un comune virus infantile noto come virus adeno-associato 2 (AAV2), secondo tre studi pubblicati su Nature questa settimana.

Non è chiaro se AAV2 sia la causa dell’epatite o semplicemente un indicatore di infezione da un altro virus.

Dal 2022, più di 1.000 casi di epatite pediatrica (infiammazione del fegato) senza causa nota sono stati segnalati in 35 paesi, tra cui Regno Unito e Stati Uniti.

In alcuni casi, l’epatite era così grave che era necessario un trapianto di fegato; Un sottogruppo più piccolo di casi è stato fatale.

Precedenti analisi hanno trovato un’associazione con adenovirus umani (agenti patogeni comuni che colpiscono gli esseri umani, causando malattie come infezioni respiratorie o gastroenteriti), anche se non è chiaro se questo legame sia causale.

Tre articoli di ricerca indipendenti pubblicati su Nature forniscono prove che l’infezione da AAV2 è legata all’aumento dell’epatite infantile inspiegabile.

Questo virus è noto per replicarsi nel fegato, ma non è noto per causare l’epatite e non può replicarsi senza un virus “helper”.

In due studi separati, Emma Thomson e colleghi dell’Università di Glasgow e Judith Breuer e colleghi dell’University College London riportano risultati simili dal Regno Unito.

Il primo team ha rilevato AAV2 in 26 su 32 (81%) casi di epatite, contro in 5 su 74 (7%) individui di controllo; il secondo team ha rilevato AAV2 in 27 su 28 (96,4%) casi di epatite e bassi tassi in individui di controllo.

Thomson e colleghi hanno trovato un’associazione tra genetica dell’ospite e casi di epatite: circa il 93% dei bambini affetti portava un particolare gene per l’antigene dei leucociti umani (una molecola che aiuta il sistema immunitario a riconoscere le cellule infette), rispetto a circa il 16% del gruppo di controllo – una scoperta che suggerisce che alcuni bambini potrebbero essere geneticamente più suscettibili ad alcune forme di epatite.

Breuer e colleghi, che hanno studiato 38 casi di epatite, hanno anche rilevato bassi livelli di adenovirus umano e betaherpesvirus umano 6B (HHV-6B) e suggeriscono che questi virus potrebbero consentire la replicazione di AAV2 e potenzialmente innescati contribuire alla gravità del danno epatico immuno-mediato. 

Inoltre, Breuer e colleghi hanno confrontato il tessuto epatico dei casi e dei controlli sani e hanno mostrato una forte evidenza di un processo immunomediato nei pazienti con epatite.

In un terzo studio, Charles Chiu e colleghi del Charité – Universitätsmedizin di Berlino hanno analizzato campioni di 16 bambini con epatite acuta grave di origine sconosciuta provenienti dagli Stati Uniti e li hanno confrontati con 113 individui di controllo.

Nel sangue di 14 pazienti, AAV2 è stato rilevato in 13 casi (93%), rispetto a 4 (3,5%) dei controlli. Tutti e 14 questi pazienti sono risultati positivi agli adenovirus umani.

Nei 13 bambini infettati da AAV2, sono state rilevate coinfezioni con virus helper (come il virus di Epstein-Barr o uno degli herpesvirus umani nel gruppo HHV-6) che potrebbero promuovere la replicazione di AAV2.

Gli autori suggeriscono che la gravità della malattia potrebbe essere correlata a coinfezioni che coinvolgono AAV2 e virus helper.

Sebbene i tre articoli colleghino l’infezione da AAV2 al recente aumento dell’epatite infantile inspiegabile, non è chiaro quale sia il ruolo di questo virus nello sviluppo della malattia epatica.

Rimangono domande sui fattori che sono alla base dell’aumento dell’epatite senza origine nota. In un News & Views di accompagnamento, Frank Tacke considera il ruolo svolto dai blocchi COVID-19.

“L’ondata di epatite nella primavera del 2022 ha coinciso con l’allentamento delle misure COVID-19 in tutto il mondo e i casi sono rapidamente diminuiti”, osserva.

“In quanto tale, la tempistica dell’epidemia potrebbe essere spiegata dal fatto che i bambini sono stati improvvisamente esposti a una raffica di virus dopo i lockdown, o avevano un sistema immunitario scarsamente addestrato che ha portato a una maggiore suscettibilità a virus altrimenti innocui”, aggiunge Tacke.