colesterolo

 

Uno studio clinico rileva riduzione marcata e sostenuta della lipoproteina (a) attraverso l’interferenza dell’RNA.

 

 

La lipoproteina (a) è un tipo speciale di colesterolo cattivo che si ritiene contribuisca alle malattie cardiache, ma non ci sono terapie farmacologiche approvate per ridurre la sua concentrazione nel sangue.

Olpasiran è un farmaco sperimentale che riduce la concentrazione di lipoproteine (a) degradando l’RNA che codifica per una proteina che è una parte essenziale della molecola.

I ricercatori del Brigham and Women’s Hospital hanno condotto uno studio clinico di fase 2, randomizzato, controllato con placebo, di olpasiran in pazienti con malattia cardiovascolare accertata per valutarne la sicurezza e la tollerabilità e per identificare una dose ottimale di olpasiran per ridurre i livelli di lipoproteine (a).

Lo studio ha incluso 227 pazienti che hanno ricevuto una delle quattro dosi di olpasiran e 54 che hanno ricevuto un placebo. Hanno scoperto che i pazienti che hanno ricevuto dosi più elevate di olpasiran hanno avuto un calo di oltre il 95% della lipoproteina (a) in 36 settimane rispetto al placebo.

Il trattamento non è stato associato a gravi effetti indesiderati a parte occasionale gonfiore al sito di iniezione e reazioni lievi correlate.

“Questi risultati dello studio mostrano che la riduzione marcata e sostenuta della lipoproteina (a) è possibile attraverso l’interferenza dell’RNA usando olpasiran”, ha detto l’autore principale Michelle O’Donoghue, Cardiovascular Division, Brigham and Women’s Hospital.

“Questi risultati hanno posto le basi per uno studio di fase 3 molto più ampio per valutare definitivamente se l’abbassamento della lipoproteina (a) si traduce in risultati migliori. Olpasiran è una terapia molto promettente per gli individui con alti livelli di lipoproteina (a) che attualmente non hanno terapie efficaci per abbassare la sua concentrazione. “



Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)
Riproduzione riservata (c)