ITP – In viaggio con Werlhof, promosso da Sobi Italia e patrocinato da AIPIT APS Onlus: con Mauro Pelaschier al timone, un viaggio all’insegna della libertà – conquistata – nella gestione di questa malattia ematologica.

 

 

 

Per la prima volta un equipaggio composto da persone con Trombocitopenia immune ha partecipato a un’impresa in barca a vela: la Veleggiata Millevele di Genova.

Che c’è di tanto eccezionale, vi chiederete? Ecco, bisogna sapere che, per chi è affetto da questa rara malattia del sangue, lo sport, così come l’attività fisica, può essere un rischio fatale.

Perché il morbo di Werlhof, nome comune della Trombocitopenia immune, è una anomalia del sistema immunitario che attacca e distrugge le piastrine, le cellule che aggregandosi formano i coaguli che fermano le emorragie.

In altre parole: una ferita, anche un banale taglio, può essere molto rischioso e mettere in pericolo di vita. Con questo incubo convivono ogni giorno i malati di questa rara patologia.

Molti devono rinunciare a molte attività, alcuni persino al lavoro.

Ma come vivono? Come possono condurre un’esistenza normale sapendo che possono avere episodi emorragici anche gravi e letali? E come sopportano la stanchezza cronica e debilitante che la malattia purtroppo provoca?

L’abbiamo chiesto a una di loro, che affrontato la sfida della regata asseime ad altri nella sua condizione. ecco la sua storia.


·         

 

Con il patrocinio dell’Associazione Italiana Porpora Immune Trombocitopenica.



Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)
Riproduzione riservata (c)