Usa la combinazione di due agenti immunoterapici che porta la sopravvivenza mediana libera da progressione a 10,2 mesi rispetto ai 4,6 osservati nei pazienti che hanno ricevuto uno dei due farmaci da solo.

 

 

 

‎La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha approvato una nuova terapia per i pazienti con melanoma metastatico o inoperabile, un tipo aggressivo di cancro della pelle.

Il trattamento, sviluppato sulla base di una ricerca originale condotta presso il Johns Hopkins Kimmel Cancer Center, è composto da due agenti immunoterapici, relatlimab (anti-LAG-3) e nivolumab (anti-PD-1), che hanno ritardato il tempo alla progressione del cancro significativamente più di nivolumab da solo in uno studio clinico globale multicentrico.

I risultati dello studio, chiamato RELATIVITY-047, sono stati pubblicati ‎‎su ‎‎The New England Journal of Medicine‎‎ il 6 gennaio 2022‎‎. ‎‎Evan J. Lipson‎‎, professore associato di oncologia presso il ‎‎Johns Hopkins Kimmel Cancer Center‎‎ e ‎‎il Bloomberg ~ Kimmel Institute for Cancer Immunotherapy‎‎, è co-autore dello studio e ha presentato i primi risultati alla riunione annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) del 2021.‎

‎”L’approvazione da parte della FDA di questa nuova terapia di combinazione è uno sviluppo entusiasmante per tutti noi nella comunità del melanoma”, afferma.

“La nostra ricerca collaborativa con scienziati e medici di tutto il mondo ha dimostrato che il targeting di LAG-3 attiva efficacemente il sistema immunitario contro il cancro e ha stabilito il percorso LAG-3 come il terzo percorso di checkpoint immunitario nella storia, dopo CTLA-4 e PD-1, per il quale il blocco ha un beneficio clinico”.‎

‎L’immunoterapia con inibitori del checkpoint agisce bloccando proteine specifiche sulle superfici delle cellule che aiutano il cancro a eludere il sistema immunitario del corpo. Bloccare questi checkpoint aiuta il sistema immunitario a combattere ed eliminare il cancro.‎

‎Nello studio RELATIVITY-047, 714 pazienti con melanoma avanzato, precedentemente non trattato, sono stati randomizzati a ricevere relatlimab più nivolumab o nivolumab da solo. La sopravvivenza mediana libera da progressione – il periodo di tempo in cui il cancro non peggiora – è stata di 10,2 mesi tra i pazienti che hanno ricevuto il trattamento di combinazione, significativamente più a lungo dei 4,6 mesi osservati tra quelli che hanno ricevuto nivolumab da solo.

A un anno, la sopravvivenza libera da progressione è stata del 48% per i pazienti trattati con terapia di associazione e del 37% per quelli trattati con nivolumab da solo.‎

‎Nivolumab agisce su una proteina chiamata PD-1 ed è approvato dalla FDA per il trattamento del melanoma e di molti altri tipi di cancro. Relatlimab blocca la segnalazione di una proteina inibitoria chiamata LAG-3 visualizzata sulle cellule T del sistema immunitario, rinvigorendo la loro attività antitumorale.‎

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Leggi anche: