Scoperto un legame tra il numero di stelle che esplodono nelle vicinanze, chiamate supernove, e la vita sulla Terra.‎

Senza le supernove, esplosioni stellari di astri giunti alla fine del loro ciclo vitale, noi non saremmo qui. Infatti tutti gli elementi più pesanti del ferro nell’universo sono stati prodotti durante queste violente esplosioni. Non solo, tutti quelli più leggeri, che si forgiano nel nucleo delle stelle come risultato delle fusioni termonucleari che le fanno risplendere (tranne elio e idrogeno), vengono sparsi nel cosmo proprio grazie a questo fenomeno esplosivo.

Dunque il Sole e i suoi pianeti – perciò la materia di cui siamo fatti – è stata pria prodotta e poi “seminata” dalle supernove. Ma c’è un’altro motivo per cui senza di queste non ci sarebbe la vita sul pianeta.

‎Le prove dimostrano una stretta connessione tra la frazione di materia organica sepolta nei sedimenti e i cambiamenti nella frequenza delle supernove. Questa correlazione è evidente negli ultimi 3,5 miliardi di anni e in modo più dettagliato nei precedenti 500 milioni di anni.‎

‎La correlazione indica che le supernove hanno stabilito condizioni essenziali per la vita sulla Terra. Lo spiega un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Geophysical Research Letters dal ricercatore senior Dr Henrik Svensmark, DTU Space.‎

‎Secondo l’articolo, una spiegazione per il legame osservato tra supernove e vita è che le supernove influenzano il clima della Terra. Un numero elevato di supernove porta ad un clima freddo con una significativa differenza di temperatura tra l’equatore e le regioni polari.

Ciò si traduce in forti venti e miscelazione oceanica, vitale per fornire nutrienti ai sistemi biologici. Un’alta concentrazione di nutrienti porta a una maggiore bioproduttività e a una sepoltura più estesa di materia organica nei sedimenti. Un clima caldo ha venti più deboli e meno mescolanza degli oceani, un ridotto apporto di sostanze nutritive, una bioproduttività più piccola e meno sepoltura di materia organica.‎

‎”Una conseguenza affascinante è che lo spostamento di materia organica nei sedimenti è indirettamente la fonte di ossigeno. La fotosintesi produce ossigeno e zucchero da luce, acqua e CO‎2‎. Tuttavia, se il materiale organico non viene spostato nei sedimenti, l’ossigeno e la materia organica diventano CO‎2‎ e acqua. La sepoltura di materiale organico impedisce questa reazione inversa. Pertanto, le supernove controllano indirettamente la produzione di ossigeno e l’ossigeno è il fondamento di tutta la vita complessa “, afferma l’autore Henrik Svensmark.‎

‎Nel documento, una misura della concentrazione di nutrienti nell’oceano negli ultimi 500 milioni di anni è ragionevolmente correlata alle variazioni della frequenza delle supernove. La concentrazione di nutrienti negli oceani si trova misurando gli oligoelementi nella pirite (FeS2, chiamata anche oro degli sciocchi) incorporato nello scisto nero, che viene sedimentato sul fondo del mare.

Stimare la frazione di materiale organico nei sedimenti è possibile misurando il carbonio-13 rispetto al carbonio-12. Poiché la vita preferisce l’atomo di carbonio-12 più leggero, la quantità di biomassa negli oceani del mondo cambia il rapporto tra carbonio-12 e carbonio-13 misurato nei sedimenti marini.‎

‎”Le nuove prove indicano una straordinaria interconnessione tra la vita sulla Terra e le supernove, mediata dall’effetto dei raggi cosmici sulle nuvole e sul clima”, afferma Henrik Svensmark.‎

‎Precedenti studi di Svensmark e colleghi hanno dimostrato che gli ioni aiutano la formazione e la crescita degli aerosol, influenzando così la frazione di nuvola. Poiché le nuvole possono regolare l’energia solare che può raggiungere la superficie terrestre, il collegamento cosmico-raggio-nuvola è importante per il clima. L’evidenza empirica mostra che il clima della Terra cambia quando cambia l’intensità dei raggi cosmici. La frequenza delle supernove può variare di diverse centinaia di punti percentuali su scale temporali geologiche e i cambiamenti climatici risultanti sono considerevoli.‎

‎”Quando le stelle pesanti esplodono, producono raggi cosmici fatti di particelle elementari con enormi energie. I raggi cosmici viaggiano verso il nostro sistema solare e alcuni terminano il loro viaggio scontrandosi con l’atmosfera terrestre. Qui, sono responsabili della ionizzazione dell’atmosfera “, dice.‎

 

Crediti: H. Svensmark/DTU Space

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

.