Studio dell’Università della California di San Francisco non ha rilevato alcuna traccia del vaccino nel latte di donne vaccinate e in allattamento.

 

Tra i tanti motivi che fanno esitare e dubitare le persone a inocularsi il vaccino contro il Covid c’è anche la paura, per le donne in allattamento, che questo finisca per essere trasferito al figlio tramite il latte materno.

Non è così, come dimostra uno dell’Università della California di San Francisco condotto su sette donne tra il dicembre 2020 e il febbraio 2021. I vaccini in questione sono quelli a RNA messaggero, Pfizer e Moderna.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda alle mamme che allattano di vaccinarsi, escludendo che nanoparticelle di mRNA possano passare attraverso il tessuto mammario nel latte e compromettere così l’immunità dei piccoli.

Lo studio, pubblicato su JAMA Pediatrics, ha esaminato il latte di donne con età media di 38 anni e con figli tra uno e 36 mesi, raccogliendo campioni prima della vaccinazione e in seguito fino a 48 ore dopo.

Anche se il campione di donne è molto piccolo gli autori sostengono che è una prima prova sperimentale del fatto che i vaccini a mRNA non sono trasferiti nei neonati tramite allattamento.

 

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)