La riapertura del Paese è stata appunto rimandata di circa un mese per dare la possibilità al sistema sanitario di vaccinare ancora.

 

La Gran Bretagna, dopo la frenata sulle riaperture, ha registrato il 17 giugno un nuovo picco di contagi da Coronavirus: oltre 11.000 in 24 ore, mai così tanti dallo scorso gennaio e con oltre metà della popolazione vaccinata con due dosi.

I morti invece sono stati 19, mentre i ricoveri in ospedali sono pari a 1.227. La preoccupazione nel Paese è alta ed è in gran parte legata alla variante Delta, individuata per la prima volta in India. Gli esperti predicano cautela, anche se le vaccinazioni fatte sfiorano ora quota 73 milioni, con oltre 42,2 milioni di prime dosi (l’80,1% della popolazione adulta nazionale) e quasi 30,7 milioni di richiami.

E se la riapertura del Paese è stata appunto rimandata di circa un mese per dare la possibilità al sistema sanitario di vaccinare ancora, la variante del Covid ha spinto anche il governo portoghese a prendere una decisione “non prevista”. Dopo essere diventata dominante in Gran Bretagna, la variante Delta sta facendo infatti impennare i contagi anche in altri Paesi. In Portogallo, il governo ha deciso di vietare i viaggi in uscita e ingresso dall’area metropolitana di Lisbona nei fine settimana (voli e viaggi di lavoro esclusi).

Il Portogallo, in effetti, ha registrato dati che non si vedevano dallo scorso febbraio, con 804 contagi sul totale di 1.233 nella regione di Lisbona, secondo gli esperti causati appunto dalla variante Delta. “È una misura aggiuntiva, non prevista, ma che il governo ha preso per contenere l’aumento dell’incidenza all’interno della città metropolitana di Lisbona”, ha spiegato la portavoce del governo, Mariana Vieira da Silva.

Saranno vietati tutti gli spostamenti non essenziali in direzione e in provenienza dalla capitale e dalla sua periferia, dal venerdì sera a lunedì mattina. “Sono numeri preoccupanti”, ha aggiunto Vieira da Silva parlando dei casi di Covid del giorno e precisando che l’esecutivo è in attesa di informazioni più dettagliate sulla situazione, in particolare per quanto riguarda il ruolo della variante indiana.

La variante Delta del Covid-19 rappresenta più del 10% dei casi registrati anche negli Stati Uniti, ma il virologo Anthony Fauci ha rassicurato la popolazione vaccinata. “Non sono preoccupato per chi è vaccinato”, ha detto il direttore dell’Istituto nazionale malattie infettive Usa aggiungendo che “la buona notizia è che i vaccini che usiamo funzionano bene anche nei confronti della variante Delta”.

Intanto, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) hanno cambiato la definizione ufficiale della variante Delta – B. 1.617.2 -, che è passata dall’essere chiamata una mutazione “di interesse” a una “variante di preoccupazione”.

 

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)