Semplice e geniale metodo per evitare le apnee ostruttive del sonno.

 

Russare non causa solo insonnia al malcapitato partner di letto, ma è il sintomo rumoroso di un disturbo che può causare seri danni alla salute.

Durante le cosiddette apnee ostruttive del sonno, infatti, i muscoli della gola si rilassano e possono collassare, restringendo notevolmente il passaggio di aria nelle vie respiratorie. Quando il cervello si accorge di questo soffocamento interviene facendo contrarre i muscoli e riaprendo il passaggio dell’aria.

Questo continuo apri e chiudi è la causa dell’interruzione del sonno nei soggetti che russano praticamente ogni pochi minuti. La qualità del riposo è così alterata, aumentando il rischio di ipertensione, infarto e ictus, per non parlare della sonnolenza diurna, irritabilità e aumentata probabilità di fare un incidente d’auto per la privazione di sonno, che aumenta di 12 volte.

Finora per curare il russamento si va dall’adottare stili di vita più salutari – niente alcol, fumo e riduzione del peso corporeo – fino a dispositivi esterni che ventilano ria in bocca, delle scomode maschere da indossare durante la notte.

Il Magnap (Magnetic Apnoea Prevention) è invece un sistema più semplice che impiega delle normali calamite rivestite in titanio che possono durare anni una volta impiantate chirurgicamente del collo dei pazienti.

Un magnete delle dimensioni di una moneta da 5 centesimi è infatti inserita con un’operazione di meno di un’ora nell’osso ioide, struttura a forma di U che si trova alla base della lingua nel collo. Dopo quattro settimane, il tempo di cicatrizzare l’incisione, al paziente viene fornito un altro magnete che si indossa attorno al collo dormendo.

Il gioco è fatto: l’attrazione tra i magneti esercita una piccola forza che riesce a mantenere aperta la cavità respiratoria. Semplice e facile. Al momento l’impianto è stato eseguito solo su sei persone negli Usa, come parte di uno studio su individui gravemente affetti da apnee ostruttive.

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.