Era un contemporaneo del T.Rex.

 

Venti anni fa, vicino al confine tra Belgio e Paesi Bassi, un cacciatore di fossili dilettante di nome Maarten van Dinther raccolse un blocco di roccia senza caratteristiche delle dimensioni di un mazzo di carte. Sebbene all’epoca non lo sapesse, la piccola lastra conteneva un teschio minuscolo e perfetto del più antico parente diretto degli uccelli moderni mai scoperto, un uccello che camminava sulla Terra con i dinosauri.

Un antenato di anatre e galline che si aggirava lungo le coste dell’Europa moderna poco prima dell’impatto dell’asteroide che ha causato un evento di estinzione globale.

L’animale, soprannominato affettuosamente il “wonderchicken” dal team internazionale di scienziati che ha analizzato il fossile, è vissuto 66,7 milioni di anni fa, appena 700.000 anni prima dell’impatto dell’asteroide che ha ucciso tutti i dinosauri non aviari. Chiamato Asteriornis in un articolo pubblicato su Nature, la specie (studiata dai fossili dei suoi arti posteriori oltre al suo cranio) ha caratteristiche simili sia alle anatre sia ai polli, quindi potrebbe essere l’antenato condiviso da entrambi.

“Questa è una scoperta straordinaria ed eccitante, che rivela nuove intuizioni in un capitolo molto poco noto dell’evoluzione aviaria”, dice Gerald Mayr, ornitologo ed esperto di evoluzione degli uccelli presso il Senckenberg Research Institute di Francoforte, in Germania.

Asteriornis era un uccello costiero dalle zampe lunghe che probabilmente avrebbe potuto volare. Il suo habitat erano le spiagge della tarda Europa Cretacea, che poi aveva una serie di isole in mari caldi e poco profondi e un clima simile alle odierne Bahamas.

Era un “microscopico” (per allora) contemporaneo di T. Rex. “Questa è la prima volta che vediamo il cranio ben conservato di un uccello moderno vissuto nell’età dei dinosauri”, afferma l’autore principale dello studio, Daniel Field, un paleontologo dell’Università di Cambridge. “Asteriornis ci fornisce la visione più chiara di come fossero gli uccelli moderni nel momento in cui T. Rex e Triceratops erano ancora vivi.”

Il fossile di 66,7 milioni di anni fa viene dall’emisfero settentrionale, mentre tutti gli altri resti di uccelli moderni del periodo cretaceo provengono dall’emisfero meridionale. Tali fossili includono le ossa di una specie simile a un’anatra chiamata Vegavis, che sono state trovate in rocce della penisola antartica “vecchie” 66,5 milioni di anni e descritte nel 2005.

Mentre molti uccelli vivevano accanto ai dinosauri, la maggior parte erano membri di gruppi arcaici, come gli Enantiornithes dai denti, che si estinsero insieme alla maggior parte degli animali terrestri più grandi. Tutti gli uccelli moderni emersero da un unico gruppo chiamato Neornithes, che apparve verso la fine del Cretaceo. “Asteriornis è un esemplare bellissimo, la prima Neornitina davvero bella del Cretaceo”, afferma Jingmai O’Connor, un esperto di uccelli fossili presso l’Istituto di Paleontologia dei Vertebrati e Paleoantropologia di Pechino, in Cina.

Gli Asteriornis probabilmente assomigliavano all’ultimo antenato comune di Anseriformes, un ordine di uccelli tra cui anatre e oche e galliformi, come polli e tacchini. “Sapevamo già che c’erano gli antenati di questi gruppi, ma non ne erano state trovate testimonianze”, dice O’Connor. “Ora i paleontologi ne hanno finalmente trovato uno.”

I teschi di polli e anatre viventi “sono molto diversi ai giorni nostri, quindi il cranio di Asteriornis è la prima testimonianza mai avuta su come probabilmente era il cranio dell’antenato comune più recente di questi gruppi“, dice Field .

Altri gruppi di uccelli viventi che si pensa siano apparsi durante il periodo Cretaceo includono gli uccelli Paleognath, come struzzi, emù, nandù e casuari. Paleognaths, Anseriformes e Galliformes sono alcuni dei rami più antichi dell’albero genealogico pre-estinzione da asteroide degli uccelli moderni.

La scoperta è stata casuale. Dopo aver trovato i fossili di “wonderchicken” nel 2000, van Dinther ha donato gli esemplari al Museo di storia naturale di Maastricht nei Paesi Bassi. Il curatore di quel museo e coautore del nuovo studio, John Jagt, ha inviato i quattro piccoli blocchi di roccia con ossa degli arti che spuntavano a Field nel 2018.

Dall’aspetto esteriore dei fossili, Field aveva poche speranze di trovare qualcosa di più eccitante delle ossa degli arti rotte. Ma gli uccelli del tardo Cretaceo sono rari, quindi decise di far passare i fossili attraverso uno scanner Tac ad alta risoluzione per visualizzare ciò che era nascosto nella roccia. Così fu scoperto “un teschio 3D di un uccello moderno magnificamente conservato, quasi completo,” dice Field. “È il primo teschio di uccello moderno dell’intera era mesozoica e uno dei teschi di uccelli fossili meglio conservati di ogni epoca”.

Gli autori dello studio hanno chiamato la nuova specie come Asteria, la dea greca Titan delle stelle cadenti, che si è trasformata in una quaglia, un nome appropriato per un uccello che ha vissuto poco prima dell’impatto che ha segnato la fine dell’era dei dinosauri.

Numerose scoperte negli ultimi anni hanno fatto luce sulle origini preistoriche di gruppi di uccelli vivi e su come questi animali sono riusciti a sopravvivere a uno dei più grandi eventi di estinzione nella storia della Terra. Gli uccelli fossili della Nuova Zelanda e dell’Antartide che sono vissuti poco dopo l’impatto sono stati descritti come specie negli ultimi anni.

Poiché molti dei più antichi fossili di uccelli moderni provengono dall’emisfero meridionale, incluso il precedente detentore del record per il più antico uccello moderno, Vegavis dall’Antartide, alcuni paleontologi hanno suggerito che gli uccelli moderni hanno avuto origine nel supercontinente meridionale del Gondwana durante il periodo dei dinosauri. Ma questa nuova scoperta di un uccello ancora più vecchio di Vegavis nell’emisfero settentrionale mina la teoria dell’origine meridionale degli uccelli moderni e apre nuovi misteri.

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.