Diario aggiornato di ciò che sta succedendo oltreoceano.

 

Coronavirus, primo morto in Argentina Il ministero della Sanità argentino ha infatti reso noto che una persona, affetta da coronavirus e ricoverata da vari giorni in un ospedale di Buenos Aires, è morta ieri pomeriggio. Si tratta del primo decesso in Argentina, che è anche il primo in America latina. In un comunicato si precisa che l’uomo, Guillermo Abel Gómez di 64 anni, era rientrato il 25 febbraio da un viaggio in Francia e dopo tre giorni aveva manifestato i sintomi tipici del Covid-19. L’uomo soffriva di patologie pregresse.

Andando nell’emisfero nord, negli Stati Uniti, aumentano i casi di coronavirus nello stato di New York: ce ne sono 13 nuovi che portano il totale a 89. Lo annuncia il governatore Andrew Cuomo, il quale ha deciso lo stato di emergenza per il coronavirus. Nel frattempo, Amtrak ha cancellato i collegamenti ferroviari tra New York e Washington a causa dell’assenza di viaggiatori fino al 26 maggio. In tutti gli States finora si sono registrati 19 morti, ma gli esperti temono che il numero salga.

La dichiarazione di Donald Trump “Contro il coronavirus non serve il panico. Le cose avrebbero potuto essere peggiori senza le nostre rapide risposte” sembra più un tentativo di recupero di consensi dopo che solo pochi giorni fa aveva criticato l’Organizzazione mondiale della salute (OMS) con un lapidario: “Ne uccide più l’influenza stagionale” e con un ritardo nell’ordinare test su tutti. Ora si sono stanziati i fondi, 8,3 miliardi di dollari per combattere l’emergenza. Quasi tutti andranno alla sanità.

Intanto, i passeggeri della nave da crociera Grand Princess sono ancora nel limbo nel dibattito sull’origine dell’epidemia di coronavirus fermi al largo della costa di San Francisco. Finita nelle secche del virus. Il destino della Grand Princess è un’importante sfida per la salute pubblica americana, con circa una dozzina di casi di coronavirus in California collegati ai passeggeri della nave. Incluso un uomo della contea di Placer che è morto di COVID-19 mercoledì. Il primo perché i morti collegati a questa nave sono diventati 6 in totale. Almeno 51 delle quasi 3.000 persone a bordo si sono dimostrate positive al virus. Molti altri hanno ancora bisogno di essere testati, e non è chiaro che cosa accadrà a coloro che si troveranno ammalati. Scricchiola il sistema trumpiano del tutto libero e tutto privato e in molti negli Stati Uniti, anche tra i repubblicani, rimpiangono la via per la sanità di Obama.

 

Un ufficiale medico della linea di crociera ha detto sabato che l’uomo che è morto ha portato il virus con sé quando è salito a bordo della Grand Princess, un punto controverso dei funzionari della sanità pubblica. Grant Tarling, l’ufficiale medico della crociera, ha detto che l’uomo che è morto dopo aver lasciato la nave ha cercato cure mediche a bordo il 20 febbraio restando malato per diversi giorni. Tarling ha detto che due camerieri che hanno servito l’uomo più volte sono stati successivamente infettati. Se fosse vero, potrebbe significare che in California la diffusione del virus nella comunità è avvenuta prima di quanto ipotizzato.

Un ufficiale sanitario della contea di Placer, tuttavia, ha messo in dubbio la dichiarazione di Tarling e ha detto che probabilmente il passeggero ha contratto il coronavirus durante la crociera. Il dibattito continua, in mancanza di test ogni ipotesi diventa plausibile. La sanità pubblica della contea di Placer si difende: “La nostra prima mortalità correlata a Covid-19 probabilmente ha contratto la malattia durante un viaggio internazionale in Messico”, dice il dirigente Aimee Sisson.

Che aggiunge: “Come è prassi standard, abbiamo basato la nostra valutazione sulle informazioni apprese nella nostra indagine sul contagio, nonché su ciò che sappiamo sulla malattia”. Ma i funzionari della nave Princess Cruises insistono che il breve periodo dell’uomo della Contea di Placer a bordo della nave e l’insorgenza dei suoi sintomi suggeriscono che sia stato lui a portare il virus a bordo, il periodo di incubazione per Covid-19 secondo l’OMS OVID-19 è tra uno e 14 giorni, mediamente di circa cinque giorni”. Thomas Frieden, ex capo dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) durante l’amministrazione Obama, sostiene che il periodo medio di incubazione è di 5-6 giorni, con una finestra massima tra due giorni e due settimane. “Non sappiamo ancora però quando le persone che presentano sintomi sono contagiose e per quanto tempo”, aggiunge Frieden. I primi casi di coronavirus sono stati confermati in California già a gennaio, legati ai viaggi dalla Cina.

 

In precedenza, il presidente Trump aveva espresso preoccupazione per il fatto che consentire ai passeggeri di lasciare la nave avrebbe messo gli Stati Uniti a rischio di una diffusione più rapida del coronavirus. Funzionari federali e statali stanno attualmente gestendo la nave da crociera, dove 19 membri dell’equipaggio e forse 32 passeggeri si sono dimostrati positivi per il virus.

Il vicepresidente Mike Pence ha dichiarato sabato in un incontro con i dirigenti della linea di crociera e i direttori dei porti di Fort Lauderdale, in Florida, che i funzionari hanno elaborato un piano per i passeggeri che sarà attuato questo fine settimana. “Tutti i passeggeri e l’equipaggio saranno testati per il coronavirus e messi in quarantena, se è il caso. Anche quelli che richiedono ulteriore assistenza medica lo riceveranno”. Il nodo, infatti, finora era chi pagava test e ricoveri.

Nel frattempo, al porto di Long Beach, sabato scorso, i passeggeri a bordo della nave da crociera Carnival Panorama non sono stati autorizzati a scendere dalla nave mentre i funzionari si occupavano di una “questione medica”. I funzionari sanitari della città di Long Beach hanno confermato che un passeggero a bordo della nave è stato portato in ospedale ed è in fase di test per il coronavirus. La nave è ormeggiata in un terminal di Long Beach, ma “per precauzione, il CDC ha deciso di tenere a bordo i passeggeri fino a quando non si avrà il risultato del test sul paziente”.

Siehara Kennedy, che è a bordo della nave da crociera, ha detto che i passeggeri hanno atteso più di tre ore per scendere. “I passeggeri non vengono isolati nelle loro stanze e gli è stato permesso di radunarsi nei bar e nei casinò della nave”. E questo peggiorerebbe la situazione nel caso il paziente risultasse positivo al Covid-19. Al momento in California sono 80 gli infettati dal virus.

Un secondo morto nella contea di Santa Clara, dove i residenti sono invitati a rimandare o annullare grandi raduni ed eventi, riducendo al minimo il lavoro in grandi gruppi. I funzionari affermano che due dei nuovi casi sono stati i primi segnalati a San Francisco e indicano che il virus si sta diffondendo nella comunità. I due, un uomo di 90 anni e una donna di 40 anni che non sono imparentati, non hanno una storia di viaggio in luoghi con il nuovo coronavirus e non hanno avuto contatti noti con una persona che è risultata positiva.

“Non sappiamo a questo punto in che modo sono stati esposti al virus”, ha dichiarato Grant Colfax, direttrice della sanità pubblica di San Francisco. Il governatore della California Gavin Newsom e il commissario assicurativo statale Ricardo Lara hanno annunciato che stanno ordinando tutti i piani assicurativi pubblici e commerciali per coprire i costi dei test per il coronavirus e lo screening medico necessario. C’è sempre una carenza di kit per il test che sta creando caos per medici e infermieri in California poiché i loro sforzi di triage sono complicati da restrizioni sui test e carenze. E questo non riguarda solo la California, ma anche tutti gli altri Stati americani.

 

Il Nevada ha annunciato il suo primo caso confermato di Covid-19 giovedì, a Las Vegas, un uomo sulla cinquantina che aveva recentemente viaggiato nello stato di Washington. È ricoverato in isolamento.

Nel frattempo, una linea di navi da crociera con viaggi in zone a rischio è stata oggetto di critiche da parte dei passeggeri per la mancanza di screening sanitari e alcuni criticano anche le autorità mediche per non aver preso sul serio i sintomi segnalati dopo aver lasciato la nave.

Trump ha visitato i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie ad Atlanta e ha cercato di rassicurare dicendo che è tutto sotto controllo. Ma si è rapidamente arrivati a oltre 600 casi confermati in almeno 18 Stati. E i messaggi contrastanti di Trump hanno aggiunto ansia alla popolazione, che ora teme ed è come se si fosse improvvisamente svegliata.

Dai ricercatori cinesi ed americani arriva un’ipotesi sull’epidemia globale che ha fatto ammalare quasi 100.000 persone in sei continenti: potrebbe in realtà essere alimentata da due varianti dello stesso coronavirus, una più vecchia e meno aggressiva e una versione più recente le cui mutazioni potrebbero averlo reso più contagioso e mortale. Ma c’è dibattito su questa ipotesi. E negli Stati Uniti ricorre questa domanda che suona come critica a Trump: “L’influenza ha ucciso molte più persone del coronavirus. Allora perché tutta la frenesia da Covid-19?”

Man mano che emergono nuovi cluster, tutti gli occhi sono puntati sull’OMS. A quando il passaggio da epidemia a pandemia? La scorsa settimana, l’agenzia si è trattenuta dal descrivere l’epidemia come una pandemia, di solito intesa come diffusione tra più Regioni di una malattia che non può essere contenuta. La decisione dell’OMS si basava in parte sul fatto che la maggior parte della diffusione globale del virus può ancora essere fatta risalire a Paesi che hanno subito grandi focolai, come Cina, Iran, Italia e Corea del Sud. Vi sono segnali – in Cina, per esempio, dove la diffusione della malattia sembra rallentare – che il virus potrebbe essere ancora contenuto se fossero messe in atto le giuste misure.

Un altro argomento per non usare la parola “pandemia” è che gran parte del mondo è già in massima allerta. I Paesi stanno limitando i viaggi, le scuole e gli edifici pubblici vengono chiusi e le riunioni, comprese le conferenze di ricerca, vengono annullate. Inoltre, viene fatto uno sforzo enorme per rintracciare nuovi focolai. I ricercatori stanno collaborando internazionalmente, su una sorta di grande laboratorio condiviso, per determinare e condividere le sequenze del genoma del virus. Lo sviluppo del vaccino è in corso. Molte riviste scientifiche stanno rendendo accessibili tutte le ricerche e i dati relativi a Covid-19.

David Heymann, un epidemiologo di malattie infettive della London School of Hygiene and Tropical Medicine che ha guidato la strategia dell’OMS per la sindrome respiratoria acuta grave (SARS) nel 2003, ha detto a Nature che non sta suggerendo all’OMS di chiamarla pandemia a questo punto, anche perché secondo lui questo virus non si sta diffondendo allo stesso modo delle pandemie del ventesimo secolo, che hanno causato milioni di vittime. Ci sono anche le implicazioni economiche da considerare. Anche senza definire pandemia il contagio in atto, i valori di titoli e azioni sono fortemente diminuiti e alcune economie sono a rischio di recessione.

Ma il virus si sta ancora diffondendo quotidianamente e probabilmente verranno trovati cluster in precedenza non rilevati, come quelli scoperti di recente negli Stati Uniti. Marc Lipsitch, un epidemiologo di malattie infettive presso la Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston, nel Massachusetts, ha dichiarato a Nature che “sotto quasi ogni ragionevole definizione di pandemia, ora ci sono prove che è ciò che sta accadendo”.

Parte della difficoltà per l’OMS a dichiarazioni di pandemia è come si è comportata in precedenti focolai di malattia. Ci sono pochi esempi da seguire. L’epidemia di SARS del 2002-2003, che ha ucciso 774 persone (su un totale di 8.098 infezioni, diffuse in circa due dozzine di Paesi), non è stata classificata dall’OMS come una pandemia. Né l’epidemia di Ebola 2014-2016, che ha colpito tre Paesi dell’Africa occidentale e ha provocato 28.616 infezioni e 11.310 morti.

Nel caso della SARS, dice Heymann, la maggior parte della trasmissione è avvenuta in gruppi di operatori sanitari infetti e pazienti ospedalieri, e nelle famiglie di operatori sanitari, con trasmissione occasionale nella comunità più ampia. Un modello simile è stato visto nei primi focolai del nuovo coronavirus in Cina, e ora si sta verificando in altri Paesi. La SARS “non era una pandemia nel senso di influenza pandemica o colera, dove la trasmissione è più generalizzata”, aggiunge Heymann.

L’OMS ha dichiarato però pandemia l’epidemia di influenza H1N1 2009-2010, in parte per innescare il rilascio di finanziamenti per la produzione di vaccini. Al momento, tuttavia, non esiste un vaccino contro Covid-19. L’agenzia ha anche smesso di usare la definizione di pandemia utilizzata per l’H1N1. In quell’occasione, l’OMS fu anche criticata per aver reagito in modo eccessivo e aver innescato allarmismo: le stime iniziali sui decessi erano circa 18.600. Ma quel numero era insufficiente e le stime sulle morti nel primo anno di diffusione del virus passarono a 150.000 prima e a 575.000 poi. Ci furono 61 milioni di infezioni solo negli Stati Uniti. In precedenti occasioni, gran parte del lavoro dell’OMS ha comportato la persuasione di governi riluttanti a riconoscere la gravità di un focolaio di malattia infettiva. Fortunatamente, questo non è accaduto con il virus che causa Covid-19.

Comunque, se ci si regola sull’esperienza di focolai passati, allora siamo solo all’inizio di una nuova malattia che potrebbe continuare a diffondersi per molti altri mesi. Tutti i Paesi devono attuare misure di contenimento. Ma la parola pandemia dovrebbe rimanere in sospeso. Solo in caso di accelerazione della diffusione del virus, potrebbe essere necessario utilizzare l’effetto “P”.

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.