Quali attività fisiche e con quali intensità offrono benefici al cervello.

 

Secondo uno studio del South Australian, l’allenamento ad intervalli ad alta intensità e l’esercizio fisico moderato continuo offrono maggiori benefici mentali al cervello rispetto a un intenso esercizio fisico intenso.

I ricercatori della University of South Australia di Adelaide hanno condotto numerosi esperimenti che hanno coinvolto 128 persone il cui cervello è stato monitorato dopo un singolo periodo di esercizio aerobico su una cyclette e un tapis roulant.

Gli esperimenti andavano dall’esercizio continuo a bassa intensità all’esercizio ad intervalli ad alta intensità, con una frequenza cardiaca che variava tra il 50 e il 90% di intensità.

La dottoressa Ashleigh Smith e la sua dottoranda Maddison Mellow hanno scoperto che i maggiori cambiamenti nella neuroplasticità – la capacità del cervello di ricollegare o modificare le sue connessioni neurali – si sono verificati con 20 minuti di allenamento a intervalli o 25 minuti di esercizio aerobico moderato continuo.

Pedalare o correre a tutta velocità senza alcun timer tra azione e pause può aumentare l’ormone dello stress, il cortisolo, bloccandone gli effetti positivi.

“Sappiamo già che impegnarsi in un regolare esercizio aerobico fa bene al cervello, migliorando la memoria, l’attenzione e l’apprendimento”, ha detto Smith. “Tuttavia, dobbiamo capire perché è così benefico e qual è il miglior esercizio, intensità e durata.”

Secondo la Smith il cortisolo sembra svolgere un ruolo importante nel determinare se un esercizio sia stato mentalmente benefico. Ha detto che i livelli elevati di cortisolo hanno bloccato le risposte neuroplastiche, ma l’interval training può consentire, nelle pause, al cortisolo di tornare ai livelli normali.

“Ciò che rende speciale il cervello è che, a differenza di un computer, elabora i segnali sensoriali e motori in parallelo”, ha concluso Smith.

“Ha molti percorsi neurali in grado di replicare la funzione di altri neuroni, in modo che se il cervello è danneggiato può reindirizzare i segnali lungo un percorso diverso. Più elastico è il cervello, più facile sarà”.

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.