Sebbene il trapianto sia un trattamento accettato per molti tipi di insufficienza d’organo, il trapianto di vescica urinaria umana non è mai stato eseguito. Ciò riflette, in parte, le scoraggianti sfide tecniche che comporta una tale procedura, compresa la difficoltà di ottenere l’accesso chirurgico al bacino profondo e la complessa anatomia dei vasi sanguigni in quell’area.

 

 

Una serie di studi pre-clinici fornisce importanti primi passi nello sviluppo di tecniche di trapianto robotico di vescica negli esseri umani, come riportato nel numero di ottobre di The Journal of Urology®, una rivista ufficiale dell’American Urological Association (AUA).

“Il nostro studio è il primo rapporto sull’autotrapianto di vescica in donatori di ricerca umani con morte cerebrale come passo preparatorio necessario verso il trapianto clinico di vescica in pazienti viventi”, commenta Inderbir S. Gill, della Keck School of Medicine, University of Southern California, Los Angeles.

Sebbene il trapianto sia un trattamento accettato per molti tipi di insufficienza d’organo, il trapianto di vescica urinaria umana non è mai stato eseguito.

Ciò riflette, in parte, le scoraggianti sfide tecniche che comporta una tale procedura, compresa la difficoltà di ottenere l’accesso chirurgico al bacino profondo e la complessa anatomia dei vasi sanguigni in quell’area.

I pazienti con condizioni terminali della vescica che la rendono inutilizzabile possono subire un intervento chirurgico per rimuovere la vescica (cistectomia).

Questo è seguito da procedure di diversione per ripristinare la funzione urinaria, in genere utilizzando un segmento del tessuto intestinale del paziente.

Sebbene queste procedure ricostruttive abbiano un alto tasso di successo, comportano un rischio sostanziale di complicanze a breve e lungo termine.

Il Dr. Gill e il suo team, tra cui il Dr. Nima Nassiri, hanno eseguito una serie di studi pre-clinici fondamentali per sviluppare la tecnica del trapianto robotico di vescica.

La loro esperienza includeva tre modelli di auto-trapianto: rimozione della vescica e dei tessuti associati, tra cui arterie, vene e ureteri; prepararlo come se fosse un donatore umano; e trapiantare nuovamente l’organo preparato nel donatore.

Modello animale vivente. Gli esperimenti iniziali sono stati eseguiti nei suini, a causa della generale somiglianza del tratto urinario e dei vasi sanguigni con l’anatomia umana.

Modello di cadavere umano. Questo è stato seguito da un modello di cadavere umano pulsatile, progettato per simulare il flusso sanguigno in un paziente vivente.

Modello donatore a cuore pulsante. Tecniche simili sono state poi eseguite in donatori deceduti a cuore pulsante che erano stati dichiarati cerebralmente morti.

Questa fase comprendeva cinque soggetti le cui famiglie avevano acconsentito alla donazione di organi ma non erano ammissibili a causa di altre malattie.

Le tecniche sviluppate nei modelli animali e cadaveri sono state applicate con successo ai donatori a cuore pulsante.

In tutti e tre i modelli, i tempi operativi per l’autotrapianto robotico sono diminuiti con l’esperienza. Nei donatori a cuore battente, il tempo chirurgico totale è diminuito da 10,5 a 4,7 ore.

Il trapianto di vescica potrebbe essere una “valida opzione di trattamento” per pazienti selezionati

Tre tentativi su quattro di autotrapianto robotico in donatori a cuore pulsante hanno avuto successo, con conseguente buon flusso di sangue alla vescica trapiantata.

In un caso, il donatore è stato mantenuto in supporto vitale per 12 ore per confermare la continua vitalità della vescica trapiantata.

Rispetto alla chirurgia a cielo aperto, si è ritenuto che l’approccio robotico facilitasse significativamente la cistectomia del donatore (rimozione della vescica) grazie al suo accesso tecnico superiore al bacino profondo e al controllo dei vasi sanguigni.

Sulla base di questo rigoroso lavoro di sviluppo pre-clinico, il Dr. Gill e colleghi si stanno preparando per la sperimentazione clinica di fattibilità iniziale del trapianto di vescica umana.

Se la tecnica del trapianto di vescica può essere sviluppata e perfezionata con successo, potrebbe diventare “un’opzione di trattamento praticabile in una minoranza di pazienti ben selezionati e ben consigliati”, concludono i ricercatori.

Sottolineano inoltre che rimangono molte domande senza risposta, tra cui il funzionamento a lungo termine della vescica trapiantata, la necessità di una terapia immunosoppressiva permanente per prevenire il rigetto d’organo e l’accettazione da parte del paziente del trapianto di vescica rispetto alle procedure di diversione urinaria standard.