Una sola compressa orale al giorno garantisce una aspettativa di vita pressoché identica a quella delle persone non infette. Lo spiega Sergio Lo Caputo, professore associato di malattie infettive dell’Università di Foggia.