Le anomalie dei vasi sanguigni oculari corrispondono a cambiamenti nel cervello, offrendo una nuova possibilità di diagnosi precoce.

 

Le anomalie dei vasi sanguigni negli occhi sono un fattore importante nella progressione della malattia di Alzheimer, secondo una ricerca dei ricercatori del Cedars-Sinai pubblicata sulla rivista peer-reviewed Alzheimer’s & Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association. 

Queste anomalie corrispondono a cambiamenti nel cervello, offrendo una nuova possibilità di diagnosi precoce.

“Questo studio fornisce una nuova comprensione dei cambiamenti vascolari associati all’Alzheimer, specialmente nella retina, lo strato di tessuto nervoso nella parte posteriore dell’occhio”, ha detto Maya Koronyo-Hamaoui, professore di neurologia, neurochirurgia e scienze biomediche al Cedars-Sinai e autore senior dello studio.

“Indica anche il danno che l’Alzheimer provoca ai vasi sanguigni nella retina, consentendo un nuovo percorso non invasivo per la diagnosi precoce e il monitoraggio della progressione della malattia”.

I ricercatori hanno confrontato i vasi sanguigni nelle retine raccolti da 24 donatori umani con malattia di Alzheimer, 10 donatori con decadimento cognitivo lieve e 27 con cognizione normale.

Nei pazienti con malattia di Alzheimer e lieve deterioramento cognitivo, hanno trovato uno dei primi segni della malattia di Alzheimer: rottura della barriera emato-retinica, dove le cellule strettamente unite impediscono alle sostanze nocive di entrare nel tessuto retinico.

“Nei pazienti con Alzheimer, abbiamo scoperto che c’era un deficit fino al 70% in quella barriera, il che significa che le sostanze nocive possono passare attraverso ed entrare nel tessuto retinico”, ha detto Haoshen Shi, primo autore dello studio. “Vediamo che questo si verifica molto presto, nei pazienti con solo lieve compromissione funzionale”.

Il danno alla barriera emato-retinica era fortemente associato a una condizione chiamata angiopatia amiloide cerebrale (CAA) – l’accumulo di proteine amiloidi nei piccoli vasi sanguigni – e altre malattie vascolari nel cervello.

“Attualmente, l’unico modo per rilevare la CAA nei pazienti è nei campioni di tessuto cerebrale post-mortem”, ha detto Koronyo-Hamaoui.

“Con ulteriori ricerche e lo sviluppo di imaging retinico avanzato, i danni alle barriere vascolari e della retina del sangue potrebbero darci la prima opportunità di rilevare la CAA nei pazienti viventi”.

Lo studio ha anche scoperto che i depositi di una proteina chiamata amiloide-beta 40 si accumulano nelle arterie retiniche dei malati di Alzheimer, rendendo le arterie rigide, interrompendo il flusso sanguigno e impedendo alle arterie di eliminare le sostanze nocive dalla retina.

Sono necessari ulteriori studi per determinare se i depositi si accumulano a causa di danni ai vasi sanguigni o causano effettivamente il danno, ha detto Koronyo-Hamaoui.

“I tessuti retinici e cerebrali sono ricchi di vasi sanguigni e un elevato afflusso di sangue è fondamentale per la loro funzione”, ha detto Koronyo-Hamaoui.

“La restrizione dell’afflusso di sangue, che può verificarsi a causa del danno che mostriamo accadere qui, significa che queste cellule non ricevono l’ossigeno e le sostanze nutritive di cui hanno bisogno”.

L’imaging retinico avanzato, che esaminerebbe i vasi sanguigni e l’accumulo di proteine in modo non invasivo nei pazienti viventi, è in fase di sviluppo ma non è ancora approvato dalla Food and Drug Administration, ha detto Koronyo-Hamaoui.

“Come estensione anatomica del cervello, la retina è stata ampiamente esaminata come una finestra per i disturbi del sistema nervoso centrale”, ha detto Keith L. Black,  presidente del Dipartimento di Neurochirurgia e della cattedra Ruth e Lawrence Harvey in Neuroscienze al Cedars-Sinai.

“Questo lavoro si aggiunge ai recenti progressi nell’imaging retinico avanzato e nell’identificazione di altri biomarcatori retinici per far progredire la scienza della diagnosi precoce dell’Alzheimer”.

Nel frattempo, Koronyo-Hamaoui consiglia alle persone di fare il possibile per mantenere sano il loro sistema circolatorio, compresi i vasi sanguigni nella retina e nel cervello, per aiutare a prevenire la CAA e la demenza.

“Controllare l’ipertensione, seguire una dieta sana a basso contenuto di zuccheri, ridurre il consumo di alcol ed evitare il fumo aiuta a prevenire l’infiammazione cronica e i danni ai vasi sanguigni”, ha detto Koronyo-Hamaoui.

“Il nostro studio dimostra che il danno ai vasi sanguigni è un elemento importante nella progressione dell’Alzheimer”.