I ricercatori hanno scoperto che le persone che seguono la dieta mediterranea avevano un rischio inferiore del 20% di deterioramento cognitivo.

 

Le persone con sclerosi multipla (SM) che seguono una dieta mediterranea possono avere un rischio inferiore di problemi con la memoria e le capacità di pensiero rispetto a coloro che non seguono la dieta, secondo uno studio preliminare pubblicato il 1 marzo 2023.

La dieta mediterranea prevede un elevato apporto di verdure, legumi, frutta, pesce e grassi sani come l’olio d’oliva, e un basso apporto di latticini, carni e acidi grassi saturi.

“È emozionante vedere che potremmo essere in grado di aiutare le persone che vivono con SM a mantenere una migliore cognizione mangiando una dieta mediterranea”, ha detto l’autrice dello studio Ilana Katz Sand, della Icahn School of Medicine al Mount Sinai di New York, e membro dell’American Academy of Neurology.

“Le difficoltà cognitive sono molto comuni nella SM e spesso peggiorano nel tempo, anche con il trattamento con terapie modificanti la malattia. Le persone che vivono con la SM sono molto interessate ai modi in cui possono essere proattive dal punto di vista dello stile di vita per contribuire a migliorare i loro risultati”.

Lo studio ha coinvolto 563 persone con SM. Le persone hanno completato un questionario per mostrare quanto attentamente hanno seguito la dieta mediterranea.

Sono stati assegnati un punteggio da zero a 14 in base alle loro risposte con punteggi più alti assegnati a coloro che seguivano più da vicino la dieta.

I ricercatori hanno quindi diviso i partecipanti in quattro gruppi in base ai loro punteggi di dieta, con il gruppo più basso con punteggi da zero a quattro e il gruppo più alto con punteggi di nove o superiori.

I partecipanti hanno anche fatto tre test per valutare le loro capacità di pensiero e memoria. Il deterioramento cognitivo è stato definito come un punteggio inferiore al quinto percentile su due o tre dei test.

Un totale di 108 persone, o il 19%, aveva un deterioramento cognitivo.

I ricercatori hanno scoperto che le persone che seguivano la dieta mediterranea avevano un rischio inferiore del 20% di deterioramento cognitivo rispetto alle persone che non seguivano la dieta.

Tra quelli nel gruppo con il punteggio di dieta più basso, 43 persone su 133, o il 34%, avevano un deterioramento cognitivo rispetto a 13 persone su 103, o il 13%, delle persone nel gruppo con il punteggio di dieta più alto.

La relazione era più forte tra le persone con SM progressiva, dove la malattia peggiora costantemente, rispetto a quelle con SM recidivante-remittente, dove la malattia divampa e poi va in periodi di remissione.

È importante sottolineare che, ha osservato Katz Sand, i risultati sono stati gli stessi quando i ricercatori si sono rigorosamente adattati ad altri fattori che potrebbero influenzare il rischio di deterioramento cognitivo, come lo stato socioeconomico, il fumo, l’indice di massa corporea, l’ipertensione e l’esercizio fisico.

“Tra i fattori legati alla salute, il livello di allineamento dietetico con il modello mediterraneo era di gran lunga il più forte predittore dei punteggi cognitivi delle persone e se soddisfacevano i criteri di studio per il deterioramento cognitivo”, ha detto Katz Sand.

Ha osservato che sono necessari studi più lunghi che seguano le persone nel tempo e studi clinici interventistici ben progettati per confermare i risultati. Una limitazione dello studio era che i test venivano effettuati solo una volta.