Una combinazione di due farmaci immunoterapici di nuova generazione ha mostrato un’attività clinica promettente nel trattamento di pazienti con carcinoma colorettale metastatico refrattario.

 

Una combinazione di due farmaci immunoterapici di nuova generazione ha mostrato un’attività clinica promettente nel trattamento di pazienti con carcinoma colorettale metastatico refrattario, una malattia che in precedenza non ha risposto bene alle immunoterapie, secondo una ricerca del Dana-Farber Cancer Institute.

I risultati di uno studio esteso di fase 1 dei due farmaci, botensilimab e balstilimab, saranno presentati all’ASCO Gastrointestinal Cancers Symposium dal 19 al 21 gennaio a San Francisco.

Lo studio è condotto da Benjamin L. Schlechter,  medico presso il Centro di trattamento del cancro gastrointestinale di Dana-Farber.

Lo studio ha incluso 70 pazienti con carcinoma colorettale metastatico che erano stati precedentemente trattati con diverse linee di farmaci, comprese le immunoterapie.

Questi pazienti avevano tutti tumori definiti microsatelliti stabili, o MSS, il che significa che i loro geni per riparare alcuni tipi di danni al DNA erano intatti.

I tumori del colon-retto MSS rappresentano la stragrande maggioranza dei tumori del colon-retto e la prima generazione di farmaci immunoterapici ha avuto scarso effetto su di loro.

Mentre l’immunoterapia ha avuto successo nei tumori del colon-retto instabili microsatelliti (MSI), solo circa il 3-5% dei tumori colorettali avanzati sono MSI e non ci sono immunoterapie approvate per i tumori del colon-retto MSS molto più comuni.

La combinazione di due farmaci testata nello studio di fase 1a/1b ampliato su pazienti con tumori colorettali metastatici MSS erano nuovi anticorpi di nuova generazione.

Botensilimab è un anticorpo diretto contro l’antigene 4 associato ai linfociti T citotossici del recettore delle cellule T, o CTLA-4, che è un checkpoint immunitario che regola l’attivazione delle cellule T.

Balstilimab è un nuovo anticorpo monoclonale progettato per bloccare PD-1 – un’altra proteina del checkpoint immunitario – dall’interazione con PD-L1 e PD-L2. Inibendo questa interazione, balstilimab ha lo scopo di liberare il sistema immunitario per attaccare i tumori.

I pazienti nello studio sono stati seguiti per una mediana di 7 mesi dopo aver ricevuto la combinazione di farmaci.

Durante quel periodo, il 23% dei pazienti ha avuto una riduzione delle dimensioni dei loro tumori e la durata mediana della risposta non è stata raggiunta.

Il tasso di controllo della malattia – la percentuale di pazienti con cancro metastatico che hanno avuto una risposta completa o parziale e una malattia stabile – è stato del 76%.

La sopravvivenza globale a 12 mesi è stata del 63%. La principale popolazione di pazienti che hanno beneficiato della combinazione erano quelli che non avevano un carcinoma metastatico attivo nel fegato.

Eventi avversi correlati al trattamento si sono verificati nel 91% dei pazienti, inclusi il grado 3 nel 40% e il grado 4 nel 3%. Il dodici per cento dei pazienti ha interrotto entrambi i farmaci a causa di eventi avversi.

I ricercatori hanno concluso che “nei pazienti con carcinoma colorettale MSS metastatico pesantemente pretrattato, botensilimab più balstilimab continua a dimostrare un’attività clinica promettente con una risposta duratura ed è stato ben tollerato, senza nuovi segnali di sicurezza immuno-mediati”.

“Sfruttare il potere della terapia immunitaria nel cancro del colon-retto refrattario è stato un obiettivo chiave di molteplici studi clinici nel cancro colorettale avanzato, ma nel cancro del colon-retto MSS gli sforzi sono stati universalmente deludenti”, ha detto Schlechter. “Questi dati sono un progresso significativo e importante nella cura di questa popolazione molto malata”.

Sulla base di questi risultati, è attualmente in corso l’arruolamento di uno studio randomizzato di fase 2 in pazienti con carcinoma colorettale MSS.

Il finanziamento per questa ricerca proviene da Agenus, Inc.



Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)
Riproduzione riservata (c)