Queste sostanze si trovano in diversi tipi di frutta e verdura, nonché tè e vino: sono un tipo di flavonoide, un gruppo di sostanze fitochimiche presenti nei pigmenti vegetali noti per gli effetti benefici sulla salute.

 

Le persone che mangiano o bevono più cibi con flavonoli antiossidanti, che si trovano in diversi tipi di frutta e verdura, nonché tè e vino, possono avere un tasso più lento di declino della memoria, secondo uno studio pubblicato nel numero online del 22 novembre 2022 di Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology.

“È eccitante che il nostro studio dimostri che fare scelte dietetiche specifiche può portare a un tasso più lento di declino cognitivo”, ha detto l’autore dello studio Thomas M. Holland, del Rush University Medical Center di Chicago.

“Qualcosa di semplice come mangiare più frutta e verdura e bere più tè è un modo facile per le persone di assumere un ruolo attivo nel mantenimento della salute del cervello”.

I flavonoli sono un tipo di flavonoide, un gruppo di sostanze fitochimiche presenti nei pigmenti vegetali noti per gli effetti benefici sulla salute.

Lo studio ha coinvolto 961 persone con un’età media di 81 anni senza demenza. Hanno compilato un questionario ogni anno su quanto spesso mangiavano determinati alimenti. Hanno anche completato test cognitivi e di memoria annuali, tra cui il richiamo di elenchi di parole, la memorizzazione di numeri e la loro messa nell’ordine corretto.

Sono stati anche interrogati su altri fattori, come il loro livello di istruzione, quanto tempo hanno trascorso facendo attività fisiche e quanto tempo hanno trascorso facendo attività mentalmente coinvolgenti come leggere e giocare. Sono stati seguiti per una media di sette anni.

Le persone sono state divise in cinque gruppi uguali in base alla quantità di flavonoli che avevano nella loro dieta. Mentre la quantità media di assunzione di flavonolo negli adulti statunitensi è di circa 16-20 milligrammi (mg) al giorno, la popolazione dello studio aveva un apporto dietetico medio di flavonoli totali di circa 10 mg al giorno.

Il gruppo più basso aveva un’assunzione di circa 5 mg al giorno e il gruppo più alto consumava in media 15 mg al giorno, che equivale a circa una tazza di verdure a foglia verde scuro.

Per determinare i tassi di declino cognitivo, i ricercatori hanno utilizzato un punteggio cognitivo globale complessivo che riassume 19 test cognitivi. Il punteggio medio variava da 0,5 per le persone senza problemi di pensiero a 0,2 per le persone con decadimento cognitivo lieve a -0,5 per le persone con malattia di Alzheimer.

Dopo essersi adattati ad altri fattori che potrebbero influenzare il tasso di declino della memoria, come l’età, il sesso e il fumo, i ricercatori hanno scoperto che il punteggio cognitivo delle persone che avevano il più alto apporto di flavonoli diminuiva ad un tasso di 0,4 unità per decennio più lentamente rispetto alle persone che avevano l’assunzione più bassa. Holland ha notato che ciò è probabilmente dovuto alle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie intrinseche dei flavonoli.

Lo studio ha anche suddiviso la classe dei flavonoli nei quattro costituenti: kaempferolo, quercetina, miricetina e isoramnetina. I principali contributori alimentari per ogni categoria sono stati: cavoli, fagioli, tè, spinaci e broccoli per il kaempferol; pomodori, cavoli, mele e tè per quercetina; tè, vino, cavoli, arance e pomodori per miricetina; e pere, olio d’oliva, vino e salsa di pomodoro per isorhamnetin.

Le persone che avevano la più alta assunzione di kaempferol avevano un tasso di declino cognitivo più lento di 0,4 unità per decennio rispetto a quelli del gruppo più basso. Quelli con il più alto apporto di quercetina avevano un tasso di declino cognitivo più lento di 0,2 unità per decennio rispetto a quelli del gruppo più basso.

E le persone con la più alta assunzione di miricetina avevano un tasso di declino cognitivo più lento di 0,3 unità per decennio rispetto a quelli del gruppo più basso. L’isoramnetina dietetica non era legata alla cognizione globale.

Holland ha osservato che lo studio mostra un’associazione tra maggiori quantità di flavonoli alimentari e declino cognitivo più lento, ma non dimostra che i flavonoli causino direttamente un tasso più lento di declino cognitivo.

Altre limitazioni dello studio sono che il questionario sulla frequenza alimentare, sebbene valido, è stato auto-riferito, quindi le persone potrebbero non ricordare con precisione ciò che mangiano.

Lo studio è stato sostenuto dal National Institutes of Health, dal National Institute on Aging e dall’USDA Agricultural Research Service.