Studio americano rileva una leggero calo nelle abilità cognitive e motorie nei nati durante l’epidemia, probabilmente dovuto allo stress delle madri.

 

‎I ricercatori della Columbia University Irving Medical Center hanno scoperto che i bambini nati durante il primo anno della pandemia hanno ottenuto punteggi più bassi in un test di screening dello sviluppo delle abilità sociali e motorie a 6 mesi, rispetto ai bambini nati poco prima della pandemia, indipendentemente dal fatto che le loro madri abbiano avuto il Covid durante la gravidanza, . ‎

‎Lo studio, che ha incluso 255 bambini nati al Morgan Stanley Children’s Hospital e Allen Hospital di New York tra marzo e dicembre 2020, è stato pubblicato sulla rivista JAMA Pediatrics. ‎

‎”I neonati nati da madri che hanno infezioni virali durante la gravidanza hanno un rischio più elevato di deficit dello sviluppo neurologico, quindi abbiamo pensato di trovare alcuni cambiamenti nel neurosviluppo dei bambini le cui madri hanno avuto Covid durante la gravidanza”, afferma Dani Dumitriu, assistente professore di pediatria e psichiatria presso la Columbia University Vagelos College of Physicians and Surgeons e ricercatore principale dello studio. ‎

‎”Siamo rimasti sorpresi di non trovare assolutamente alcun segnale che suggerisse che l’esposizione al Covid mentre era ‎‎in utero‎‎ fosse legata a deficit di sviluppo neurologico. Piuttosto, essere nel grembo di una madre che ha vissuto la pandemia è stato associato a punteggi leggermente più bassi in aree come le abilità motorie e sociali, anche se non in altre, come la comunicazione o le capacità di risoluzione dei problemi. I risultati suggeriscono che l’enorme quantità di stress avvertita dalle madri incinte durante questi tempi senza precedenti potrebbe aver avuto un ruolo importante”. ‎

‎”Non erano grandi differenze, non abbiamo visto un tasso più elevato di ritardi nello sviluppo nel nostro campione di poche centinaia di bambini, solo piccoli cambiamenti nei punteggi medi tra i gruppi”, dice Dumitriu. “Ma questi piccoli cambiamenti meritano un’attenzione particolare perché a livello di popolazione possono avere un impatto significativo sulla salute pubblica. Lo sappiamo da altre pandemie e disastri naturali”. ‎

‎Quando la prima ondata di Covid ha colpito New York City all’inizio del 2020, Dumitriu ha guidato un gruppo di ricercatori pediatrici presso la Columbia University Irving Medical Center nell’organizzazione di studi che indagano l’impatto del virus sui bambini attraverso l’iniziativa COVID-19 Mother Baby Outcomes‎‎ (COMBO).‎‎ ‎

‎In uno dei primi studi, i ricercatori hanno ‎‎scoperto‎‎ che le madri non trasmettono il virus al loro feto. Tuttavia, è noto che le malattie virali durante la gravidanza aumentano il rischio di ritardi nello sviluppo neurologico nei bambini attraverso l’attivazione del sistema immunitario della madre, che a sua volta influisce sullo sviluppo del cervello fetale.‎

‎”Il percorso sviluppo di un bambino inizia prima della nascita”, afferma Dumitriu, pediatra presso il Well Baby Nursery presso il NewYork-Presbyterian Morgan Stanley Children’s Hospital. “Con potenzialmente milioni di bambini che potrebbero essere stati esposti al Covid ‎‎in utero ‎‎e ancora più madri che hanno attraversato lo stress della pandemia, c’è un bisogno critico di comprendere gli effetti dello sviluppo neurologico della pandemia sulle generazioni future”. ‎

‎Nel presente studio, i ricercatori hanno analizzato le risposte di un questionario che i pediatri danno ai genitori per valutare aspetti dello sviluppo infantile, come la comunicazione e le abilità motorie fini e grossolane, la risoluzione dei problemi e le abilità sociali.‎

‎Quasi la metà delle madri nello studio ha avuto il Covid ad un certo punto durante la gravidanza, anche se la maggior parte era con malattia lieve o asintomatica. ‎

‎Non sono state riscontrate differenze nei punteggi tra i bambini che sono stati esposti a Covidin utero‎‎ e quelli nati durante la pandemia le cui madri non hanno contratto l’infezione durante la gravidanza. Tuttavia, i punteggi medi tra i bambini nati durante la pandemia, indipendentemente dal fatto che le loro madri avessero il Covid durante la gravidanza o meno, erano inferiori rispetto a 62 bambini pre-pandemia nati negli stessi ospedali. ‎

‎”Vogliamo che i genitori sappiano che i risultati del nostro piccolo studio non significano necessariamente che questa generazione sarà compromessa più tardi nella vita”, dice Dumitriu. “Questa è ancora una fase di sviluppo molto precoce con molte opportunità di intervenire e portare questi bambini sulla giusta traiettoria di sviluppo”. ‎

Lo stress correlato al COVID potrebbe influenzare lo sviluppo del cervello?‎ ‎Sebbene lo studio non abbia misurato lo stress materno durante la gravidanza, Dumitriu afferma che è possibile che lo stress causato dalla pandemia e sperimentato dalle madri durante la gravidanza spieghi il calo delle abilità motorie e sociali riscontrate nei bambini nati durante la pandemia. ‎

‎Studi precedenti hanno dimostrato che lo stress materno nelle prime fasi della gravidanza ha un effetto maggiore sul funzionamento socioemotivo nei neonati rispetto allo stress più tardi in gravidanza, e una tendenza simile è stata trovata nel nuovo studio: i bambini le cui madri erano nel primo trimestre di gravidanza al culmine della pandemia avevano i punteggi più bassi di sviluppo neurologico. ‎

‎I ricercatori continueranno a seguire questi bambini in studi a lungo termine. ‎

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

.