Vaccino

 

‎Le persone che hanno pedalato su una cyclette o hanno fatto una camminata veloce per un’ora e mezza dopo aver ricevuto un vaccino antinfluenzale o un vaccino COVID-19 hanno prodotto più anticorpi.

 

I ricercatori della Iowa State University hanno scoperto che 90 minuti di esercizio fisico da lieve a moderato direttamente dopo un vaccino antinfluenzale o COVID-19 possono fornire una spinta immunitaria extra.‎

‎Nello studio appena pubblicato, i partecipanti che hanno pedalato su una cyclette o hanno fatto una camminata veloce per un’ora e mezza dopo aver ricevutola vaccinazione hanno prodotto più anticorpi nelle quattro settimane successive rispetto ai partecipanti che hanno continuato con la loro routine quotidiana post-immunizzazione. I ricercatori hanno trovato risultati simili quando hanno eseguito un esperimento con topi e tapis roulant.‎

‎‎”I nostri risultati preliminari sono i primi a dimostrare che si può migliorare la risposta anticorpale del corpo al vaccino Pfizer-BioNtech COVID-19 e due vaccini per l’influenza”, ha detto Marian Kohut, autore principale dell’articolo pubblicato sulla rivista Brain, Behavior and Immunity.‎

‎Quasi la metà dei partecipanti all’esperimento aveva un BMI nella categoria sovrappeso o obesi. Durante 90 minuti di esercizio, si sono concentrati sul mantenimento di un ritmo che mantenesse la frequenza cardiaca intorno ai 120-140 battiti al minuto.‎

‎Nello studio, i ricercatori hanno anche testato se i partecipanti potevano ottenere lo stesso effetto con soli 45 minuti di esercizio, ma hanno scoperto che l’allenamento più breve non aumentava i livelli di anticorpi dei partecipanti.

‎Il motivo per cui l’esercizio potrebbe migliorare la risposta immunitaria del corpo, secondo Kohut, dipenderebbe da molteplici ragioni. L’allenamento aumenta il flusso sanguigno e linfatico, che aiuta a far circolare le cellule immunitarie. Mentre queste cellule si muovono nel corpo, è più probabile che rilevino qualcosa che è estraneo.‎

‎I dati dell’esperimento sui topi hanno anche suggerito che un tipo di proteina (cioè l’interferone alfa) prodotta durante l’esercizio fisico aiuta a generare anticorpi e cellule T specifici.‎

‎”Ma sono necessarie molte più ricerche per rispondere al perché e al come. Ci sono così tanti cambiamenti che avvengono quando ci alleniamo – metabolico, biochimico, neuroendocrino, circolatorio. Quindi, c’è probabilmente una combinazione di fattori che contribuiscono alla risposta anticorpale che abbiamo trovato nel nostro studio “, ha detto Kohut.‎

‎I ricercatori stanno continuando a monitorare la risposta anticorpale nei partecipanti sei mesi dopo l’immunizzazione e hanno lanciato un altro studio che si concentra sugli effetti dell’esercizio sulle persone che hanno fatto il richiamo.‎

 

 

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

.