‎I resti di un giovane e di un cane uccisi da uno tsunami innescato dall’eruzione del vulcano dell’isola di Santorini, in Grecia, di 3.600 anni fa sono stati portati alla luce in Turchia.‎

Un compagno fedele fino alla fine, fino all’ultimo respiro, prima di essere travolti insieme da un’enorme onda di detriti e fango arrivata da un maremoto per l’esplosione di un vulcano dall’altra parte della costa: è la storia di un cane e del suo padrone, morti insieme e ritrovati più di 3600 anni dopo in uno scavo archeologico.

‎Gli archeologi hanno trovato la coppia di scheletri durante gli scavi a Çeşme-Bağlararası, un sito della tarda età del bronzo vicino alla baia di Çeşme, sulla costa occidentale della Turchia.‎

‎Nonostante l’eruzione  sia uno dei più grandi disastri naturali della storia, questa è la prima volta che resti delle vittime dell’evento sono stati portati alla luce.‎

‎Inoltre, la presenza di depositi creati dallo tsunami a Çeşme-Bağlararası mostra che onde grandi e distruttive sono arrivate nell’Egeo settentrionale.‎

‎In precedenza, sulla base delle prove disponibili, si era ipotizzato che quest’area del Mediterraneo avesse ricevuto solo ricadute di cenere dall’eruzione.‎

‎Invece, ora sembra che l’area della baia di Çeşme sia stata colpita da una sequenza di tsunami, devastando gli insediamenti locali.‎ ‎Thera – ora una caldera al centro dell’isola greca di ‎‎Santorini‎‎ – è famosa per il modo in cui si pensa che i suoi tsunami ‎‎abbiano posto fine alla civiltà minoica‎‎ nella vicina Creta.‎

‎Sulla base della datazione al radiocarbonio dei depositi di tsunami a Çeşme-Bağlararası, il team ritiene che l’eruzione del vulcano sia avvenuta non prima del 1612 a. C.‎

‎Lo studio è stato intrapreso dall’archeologo Vasıf Şahoğlu dell’Università di Ankara e dai suoi colleghi.‎

‎”L’eruzione del Thera della tarda età del bronzo è stata uno dei più grandi disastri naturali testimoniati nella storia umana”, hanno scritto i ricercatori nel loro articolo.‎

‎”Il suo impatto, le sue conseguenze e la sua tempistica hanno tenuto banco nel dibattito sugli studi del mediterraneo antico per quasi un secolo”.

‎Tra i sedimenti stratificati nel sito di Çeşme-Bağlararası, i ricercatori hanno trovato i resti di muri danneggiati – un tempo parte di una fortificazione di qualche tipo – accanto a strati di macerie e sedimenti caotici caratteristici dei depositi di tsunami.‎

‎All’interno di questi c’erano due strati di cenere vulcanica, il secondo più spesso del primo, e uno strato ricco di ossa contenente carbone e altri resti carbonizzati. ‎

‎Secondo il team, i depositi rappresentano almeno quattro inondazioni consecutive di tsunami, ciascuna separata ma comunque derivante dall’eruzione di Thera.‎

‎Tracce di fosse deformi scavate nei sedimenti dello tsunami in vari punti del sito di Çeşme-Bağlararası rappresentano, secondo i ricercatori, uno “sforzo per recuperare le vittime dai detriti dello tsunami”.‎

‎”Lo scheletro umano si trovava a circa un metro sotto tale fossa, suggerendo che era troppo profondo per essere trovato e recuperato e quindi (probabilmente inconsapevolmente) lasciato indietro”, hanno aggiunto.‎

‎”Si trova anche nella parte più bassa del deposito, caratterizzata in tutto il campo di detriti dalle pietre più grandi e pesanti (alcune più grandi di 40 cm di diametro), complicando ulteriormente qualsiasi sforzo di recupero.”‎

‎Lo scheletro del giovane – che mostra le caratteristiche di un trascinamento da una colata di detriti – è stato trovato contro la parte più gravemente danneggiata del muro di fortificazione, che il team ritiene abbia ceduto durante lo tsunami. ‎

‎I risultati completi dello studio sono stati pubblicati su ‎‎Proceeding of the National Academy of Sciences.‎

Immagine: PNAS, Shaoglu et al.

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

.