L’Oms lancia l’allarme sui pericoli sanitari che minacciano l’uomo facendo sapere che il Covid potrebbe essere stato solo un campanello d’allarme.

 

Un messaggio in qualche modo drammatico se consideriamo che il il coronavirus di fatto ha messo in ginocchio tutti i Paesi del mondo sia dal punto di vista sanitario che economico. E per questo motivo l’invito dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è quello a non dimenticare la lezione per evitare di farsi trovare impreparati di fronte ad un nemico che potrebbe essere più aggressivo e letale di quello che abbiamo combattuto.

In effetti le pandemie state poche nel corso della storia e sarebbe ingenuo credere che quella di coronavirus possa essere stata l’ultima o la peggiore in termini assoluti. Purtroppo, non è così, per quanto parlare in astratto di certo non aiuta a comprendere i rischi effettivi legati alla situazione.

“Questa pandemia è stata molto grave. Si è diffusa molto rapidamente in ogni angolo del mondo, ma non è necessariamente la peggiore” ha dichiarato Michael Ryan, responsabile strategico e tecnico delle emergenze dell’Oms in occasione della conferenza di fine anno.

“Il tasso di mortalità del Covid-19 è relativamente basso rispetto ad altre malattie emergenti è…]. Quindi dobbiamo prepararci a qualcosa che potrebbe essere più grave in futuro […]. La convivenza con il Covid-19 è qualcosa a cui ci dobbiamo abituare, ha detto in sintesi Ryan: Sembra che il destino di Sars-CoV-2 (Covid-19) sia quello di diventare endemico, così come altri quattro coronavirus umani, e che continuerà a mutare mentre si riproduce nelle cellule umane. Fortunatamente, ora abbiamo gli strumenti per salvare vite umane, e questi, in combinazione con un buon sistema sanitario, ci consentiranno di imparare a convivere con Covid-19”.

 

 

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.