Ciò che ha sorpreso i ricercatori è che più una razza di cane è geneticamente distante dai lupi, più grande diventa la sua dimensione relativa del cervello.

 

Le razze canine moderne che sono geneticamente più distanti dai lupi hanno una dimensione del cervello relativamente più grande rispetto alle razze antiche che hanno migliaia di anni, secondo i risultati di ricercatori ungheresi e svedesi.

L’aumento delle dimensioni del cervello non può essere attribuito ai ruoli o alle caratteristiche della storia di vita delle razze, suggerendo che è probabilmente influenzato dall’urbanizzazione e da un ambiente sociale più complesso.

Ancora oggi, le quattrocento razze canine conosciute si sono sviluppate relativamente rapidamente e mostrano una grande diversità, rendendole un tesoro per i ricercatori interessati a rapidi cambiamenti all’interno di una specie.

Gli scienziati sono stati a lungo curiosi dei fattori che influenzano le dimensioni del cervello perché il cervello umano è insolitamente grande rispetto alle dimensioni del corpo. Confrontare le varie razze canine può aiutare a rispondere ad alcune domande.

Esiste una correlazione tra le dimensioni del cervello e i compiti specifici per i quali è stata allevata una razza? Ci sono differenze, ad esempio, tra cani da caccia?

O il cervello è più influenzato dall’aspettativa di vita e dalle sfide dell’allevamento della prole? Quello che sappiamo per certo è che il pensiero e i processi cognitivi richiedono molta energia e mantenere un cervello più grande è costoso.

László Zsolt Garamszegi, biologo evoluzionista presso il Centro di ricerca ecologica in Ungheria, ha studiato a lungo l’evoluzione delle dimensioni del cervello.

“Il cervello degli animali domestici può essere fino al venti per cento più piccolo di quello dei loro antenati selvatici. La probabile ragione di ciò è che la vita delle specie domestiche è più semplice rispetto a quella delle loro controparti selvatiche. Nell’ambiente sicuro fornito dagli esseri umani, non è necessario temere attacchi di predatori o cacciare cibo. Pertanto, non è necessario sostenere il grande cervello energeticamente costoso, e l’energia liberata può essere diretta verso altri scopi, come la produzione di più prole, che è importante per gli animali domestici”.

Niclas Kolm, dell’Università di Stoccolma, si concentra sull’evoluzione del cervello e sul legame tra variazione della morfologia e del comportamento del cervello.

“Diverse razze di cani vivono in vari livelli di complessità sociale e svolgono compiti complessi, che probabilmente richiedono una maggiore capacità cerebrale. Pertanto, ipotizziamo che le pressioni selettive sul cervello possano variare all’interno della specie canina e potremmo trovare differenze nelle dimensioni del cervello tra le razze in base ai compiti che svolgono o alla loro distanza genetica dai lupi”.

Questo è il primo studio completo riguardante le dimensioni del cervello di diverse razze canine e la sua preparazione ha richiesto diversi decenni.

Tibor Csörgő, ricercatore senior presso il Dipartimento di Anatomia, Biologia Cellulare e dello Sviluppo dell’Università Eötvös Loránd (ELTE), ha collezionato teschi per decenni. Le scansioni TC dei teschi sono state eseguite da Medicopus Nonprofit Ltd. a Kaposvár.

Sulla base delle immagini TC, il veterinario Kálmán Czeibert ha ricostruito il cervello e determinato il loro volume esatto. Questa preziosa collezione è stata completata dalla Banca del cervello e dei tessuti canini, gestita da ELTE negli ultimi sette anni, che ha permesso la verifica dei volumi cerebrali calcolati dalle immagini del cranio utilizzando cervelli reali.

Alla fine, sono stati raccolti dati da 865 individui che rappresentano 159 razze canine, con 48 esemplari che rappresentano i lupi.

Secondo i risultati pubblicati sulla rivista Evolution, i lupi hanno un volume medio del cervello di 131 cm3, associato a un peso corporeo medio di 31 kg.

Nel caso di cani in una categoria di peso simile, il volume del cervello è solo circa tre quarti di quello, circa 100 cm3.

Ciò conferma che l’addomesticamento ha anche portato a una diminuzione delle dimensioni del cervello nei cani.

Tuttavia, ciò che ha sorpreso i ricercatori è che più una razza di cane è geneticamente distante dai lupi, più grande diventa la sua dimensione relativa del cervello.

Contrariamente alle aspettative, il ruolo originale delle razze, la dimensione media della cucciolata e l’aspettativa di vita sono indipendenti dalle dimensioni del cervello.

“L’addomesticamento dei cani è iniziato circa venticinquemila anni fa, ma per diecimila anni cani e lupi non differivano nell’aspetto. Molte razze antiche, come i cani da slitta, assomigliano ancora oggi ai lupi. Tuttavia, la transizione verso l’insediamento, l’agricoltura, la pastorizia e l’accumulo di ricchezza offrivano vari compiti per i cani, che richiedevano cani da guardia, cani da pastore, cani da caccia e persino cani da giro. Tuttavia, una parte significativa delle razze dall’aspetto distinto conosciute oggi è emersa solo dalla rivoluzione industriale, principalmente negli ultimi due secoli, poiché l’allevamento di cani è diventato una sorta di hobby “, afferma Enikő Kubinyi, ricercatore senior presso il Dipartimento di Etologia dell’ELTE.

“I risultati mostrano che l’allevamento delle razze canine moderne è stato accompagnato da un aumento delle dimensioni del cervello rispetto alle razze antiche. Non siamo riusciti a spiegarlo in base ai compiti o alle caratteristiche della storia di vita delle razze, quindi possiamo solo speculare sulle ragioni. Forse l’ambiente sociale più complesso, l’urbanizzazione e l’adattamento a più regole e aspettative hanno causato questo cambiamento, colpendo tutte le razze moderne”.

Questi risultati sono supportati da ricerche che indicano che le razze antiche note per la loro indipendenza sono meno attente ai segnali umani e abbaiano meno, mostrando così differenze nella comunicazione visiva e acustica rispetto alle razze moderne.