Sviluppate in Cina, sono state testate con successo sugli animali. Il processo di produzione è compatibile con gli attuali standard e se si avviassetro studi sull’uomo potrebbero essere messe in commercio.

 

 

 

‎Una lente a contatto in grado di rilevare la pressione intraoculare in modalità wireless e di somministrare farmaci anti-glaucoma su richiesta.

Il dispositivo è flessibile e senza batteria, con un design compatto e può essere un sistema promettente per il trattamento del glaucoma: l’apparecchio è descritto in un articolo pubblicato su Nature Communications del 17 maggio.

‎Il glaucoma (e le sue malattie associate) può causare una perdita irreversibile della vista, con danni spesso causati da un aumento della pressione intraoculare a causa della circolazione anormale del fluido all’interno dell’occhio. Questa pressione può variare con le attività umane e il ritmo circadiano, il che rende il trattamento impegnativo in quanto richiede il monitoraggio a lungo termine e continuo delle condizioni dell’occhio. I dispositivi teranostici – che combinano terapie e diagnostica – sono in grado di monitorare una determinata condizione e applicare un trattamento appropriato.‎

‎Xi Xie, Cheng Yang e colleghi della Sun Yat-Sen University di  Guangzhou, in Cina, hanno sviluppato una lente a contatto che utilizza il rilevamento elettrico per misurare la pressione intraoculare e può fornire un farmaco su richiesta.

Il dispositivo è stato testato negli occhi di suini e conigli ed è stato in grado di rilevare cambiamenti nella pressione intraoculare. Quando la pressione intraoculare misurata raggiunge un livello ad alto rischio, il modulo di somministrazione del farmaco (alimentato via wireless) ha la capacità di innescare la consegna di un farmaco anti-glaucoma nell’occhio attraverso le barriere corneali.‎

‎Gli autori suggeriscono che la fabbricazione del dispositivo è compatibile con i processi di produzione esistenti su larga scala e economicamente conveniente. Tuttavia, indicano che sono necessarie ulteriori ricerche prima che possa avviarsi verso i test clinici.‎

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)