Un nuovo studio conferma quello che già molti di noi avevano intuito: ‎smettere di usare i social per una sola settimana potrebbe portare a miglioramenti significativi nel loro benessere, depressione e ansia.

 

 

‎Lo studio, condotto da un team di ricercatori dell’Università di Bath (Regno Unito), ha studiato gli effetti sulla salute mentale di una pausa di una settimana sui social media.

Per alcuni partecipanti allo studio, questo è stato equivalente a liberare circa nove ore della loro settimana che altrimenti sarebbero state spese scorrendo Instagram, Facebook, Twitter e TikTok.‎

‎I loro risultati – pubblicati venerdì 6 maggio 2022 sulla rivista statunitense “‎‎Cyberpsychology, Behaviour and Social Networking”‎‎ – suggeriscono che solo una settimana di pausa dai social media ha migliorato il livello generale di benessere degli individui, oltre a ridurre i sintomi di depressione e ansia.‎

‎Per lo studio, i ricercatori hanno assegnato in modo casuale 154 individui (di età compresa tra 18 e 72 anni che utilizzavano i social media ogni giorno) a un gruppo di intervento, in cui è stato chiesto loro di smettere di usare tutti i social media per una settimana o s un gruppo di controllo, dove potevano continuare a scorrere normalmente. All’inizio dello studio, sono stati presi i punteggi di base per ansia, depressione e benessere.‎

‎I partecipanti hanno riferito di trascorrere in media 8 ore settimanali sui social media all’inizio dello studio. Una settimana dopo, i partecipanti a cui è stato chiesto di fare la pausa hanno avuto miglioramenti significativi nel benessere, nella depressione e nell’ansia rispetto a quelli che hanno continuato a utilizzare i social media, suggerendo un beneficio a breve termine.‎

‎Ai partecipanti è stato chiesto di fare una pausa di una settimana utilizzando i social media per una media di 21 minuti rispetto a una media di sette ore del gruppo di controllo. Le persone hanno fornito statistiche sull’utilizzo dello schermo per verificare che avessero aderito alla pausa.‎

‎Jeff Lambert‎‎, ricercatore capo del Dipartimento per la Salute di Bath, spiega: “Lo scorrimento dei social media è così onnipresente che molti di noi lo fanno quasi senza pensarci dal momento in cui ci svegliamo a quando chiudiamo gli occhi di notte”.‎

‎”Sappiamo che l’uso dei social media è enorme e che ci sono crescenti preoccupazioni sui suoi effetti sulla salute mentale, quindi con questo studio volevamo vedere se semplicemente chiedere alle persone di fare una settimana di pausa potesse produrre benefici per la salute mentale. ‎

‎”Molti dei nostri partecipanti hanno riportato effetti positivi dall’essere fuori dai social con un miglioramento dell’umore e meno ansia in generale. Ciò suggerisce che anche solo una piccola pausa può avere un grande impatto”.‎

‎”Naturalmente, i social media fanno parte della vita e per molte persone sono una parte indispensabile di come interagiscono con gli altri. Ma se un individuo si ritiene che stia lo influenzando negativamente, potrebbe valere la pena ridurre l’utilizzo per vedere se aiuta. “‎

‎Il team ora vuole basarsi sullo studio per vedere se fare una breve pausa può aiutare diverse categorie (ad esempio giovani o persone con condizioni di salute fisica e mentale). Il team vuole anche seguire le persone per più di una settimana, per vedere se i benefici durano nel tempo. Se è così, in futuro, ipotizzano che questo potrebbe far parte della suite di opzioni cliniche utilizzate per aiutare a gestire la salute mentale.‎

‎Tra i 16 ei 44 anni, ben il 97% di noi utilizza i social media e lo scorrimento è l’attività online più frequente che svolgiamo.‎

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

.