Il cocktail di anticorpi di Roche per COVID-19 potrebbe dover affrontare problemi di accessibilità economica in India, afferma GlobalData.

 

In seguito alla notizia che Roche ha ricevuto l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per un cocktail di anticorpi COVID-19 casirivimab e imdevimab;

Prashant Khadayate, Pharma Analyst presso GlobalData, una delle principali società di dati e analisi, offre il suo punto di vista: “Il cocktail di anticorpi di Roche casirivimab e imdevimab sono tra gli unici due farmaci ad essere sviluppati e approvati esclusivamente per il trattamento COVID-19. Bamlanivimab ed etesevimab sono l’altro cocktail di anticorpi di Eli Lilly. La maggior parte delle terapie approvate per COVID-19 sono state riproposte, dove hanno mostrato benefici nei pazienti COVID-19, ma il farmaco originale era in fase di sviluppo o approvato per altre indicazioni”.

Secondo il Pharma Intelligence Center di GlobalData, l’India è il secondo Paese ad approvare il cocktail di anticorpi anti-COVID-19 di Roche casirivimab e imdevimab. Nel novembre 2020, gli Stati Uniti sono stati il ​​primo Paese ad approvarlo. Inoltre, il partner di Roche, Regeneron, ha presentato domanda per l’approvazione negli Stati Uniti come trattamento preventivo.

La Central Drugs Standards Control Organization (CDSCO) dell’India ha accelerato l’approvazione del farmaco cocktail di anticorpi di Roche sulla base dei dati FDA e del parere scientifico di un comitato normativo europeo. Il farmaco ha dimostrato di ridurre i ricoveri nei pazienti COVID-19 ad alto rischio di sviluppare COVID-19 grave.

L’India sta attualmente lottando con la grave seconda ondata di COVID-19 con oltre 350.000 casi al giorno e anche con la carenza di farmaci. Per migliorare la situazione generale relativa alla mancanza di trattamenti disponibili, il CDSCO ha recentemente approvato l’uso di baricitinib di Natco con remdesivir, Virafin di Zydus Cadila (interferone alfa-2b pegilato) mentre il partner di Merck, Natco, ha richiesto l’approvazione di emergenza per molnupiravir in India.

Il cocktail di anticorpi di Roche sarà distribuito dal suo partner Cipla in India. Considerando che si tratta di una combinazione di due anticorpi monoclonali, cioè immunoglobuline umane ricombinanti G-1 (IgG1), si prevede che sia molto costoso rispetto ad altre opzioni di trattamento disponibili per pazienti da lievi a moderati e non sarà un trattamento economico per molti pazienti. Pertanto, il farmaco sarà principalmente disponibile per i pazienti nelle metropoli e nelle città di alto livello in India, dove il numero di pazienti che possono permettersi questo farmaco è elevato. Inoltre, è necessario vedere come il cocktail agisce contro le nuove varianti in India come la variante ‘doppio mutante’ e altre varianti segnalate in India”.

 

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)