Nella notte “delle streghe” il nostro satellite ci regala un’insolita presenza in cielo.

 

 

La notte di Halloween sarà rischiarata da una bellissima luna piena. La seconda in questo mese, perché la prima si è avuta il primo di ottobre. L’evento, cioè il ripetersi di due lune piene nello stesso mese, è chiamato “luna blu”.

In effetti il nostro satellite non si tingerà di azzurro, né di qualsiasi altro colore: sarà come sempre di un bianco giallastro splendente. Questa locuzione pare si sia originata nel 1946 sulle pagine della rivista Sky & Telescope da un errore di un suo redattore: luna blu era in origine usato per indicare la terza luna piena in una stagione.

Ma ancora più anticamente la frase non apparteneva all’ambito astronomico, ma stava ad indicare un evento raro, un equivalente del nostro “ogni morte di papa”. Fatto sta che negli anni il termine si è diffuso così tanto che oggi anche in Italia si usa dire “luna blu” alla seconda luna piena del mese.

Che sia un evento raro è però fuori discussione: una luna blu si verifica mediamente ogni 2,7 anni. Ciò significa che la prossima doppia luna piena nello stesso mese accadrà nell’agosto 2023.

Però lune blu in cielo ci sono state davvero. È successo durante l’eruzione esplosiva di grandi vulcani, che hanno proiettato in cielo migliaia di tonnellate di polveri che hanno reso quindi la luce proveniente dal nostro satellite color verde-blu.

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.