Per lunghi periodi di tempo, l’isolamento sociale può aumentare il rischio di una varietà di problemi di salute.

 

In risposta alla pandemia di coronavirus, i funzionari della sanità pubblica ci chiedono di fare qualcosa che non viene naturale per le nostre specie molto sociali: stare lontano l’uno dall’altro. Tale allontanamento sociale – evitando grandi incontri e stretti contatti con gli altri – è cruciale per rallentare la diffusione del virus e impedire che il nostro sistema sanitario venga sopraffatto. Ma non sarà facile.

“Il coronavirus che si sta diffondendo in tutto il mondo ci sta chiamando a sopprimere i nostri impulsi profondamente umani e evolutivamente legati alla connessione: vedere i nostri amici, riunirci in gruppo o toccarci a vicenda”, afferma Nicholas Christakis, scienziato sociale e medico presso Università di Yale.

E il distanziamento sociale mette alla prova anche la capacità umana di cooperazione, aggiunge. “Le pandemie sono un test particolarmente impegnativo … perché non stiamo solo cercando di proteggere le persone che conosciamo, ma anche le persone che non conosciamo o che forse non ci interessano.”

Gli effetti del distanziamento sociale a breve termine non sono stati ben studiati, ma diversi ricercatori – molti dei quali si stanno arrampicando per affrontare le interruzioni della propria vita a causa del coronavirus – hanno recentemente impiegato del tempo per condividere alcuni pensieri con ScienceInsider sul potenziale sociale e impatti psicologici e come mitigarli. Ecco cosa hanno detto:

 

Che cosa si sa degli effetti dell’interazione sociale sulla salute mentale e fisica?

Per lunghi periodi di tempo, l’isolamento sociale può aumentare il rischio di una varietà di problemi di salute, tra cui malattie cardiache, depressione, demenza e persino la morte. Una metanalisi del 2015 della letteratura scientifica di Julianne Holt-Lunstad, psicologa della ricerca presso la Brigham Young University e colleghi, ha determinato che l’isolamento sociale cronico aumenta il rischio di mortalità del 29%.

Ciò può essere dovuto al fatto che i contatti sociali possono attenuare gli effetti negativi dello stress. Gli studi di laboratorio di Holt-Lunstad e altri hanno scoperto che avere un amico presente può ridurre la risposta cardiovascolare di una persona a un compito stressante. Esiste persino una correlazione tra la connessione sociale percepita e le risposte allo stress. “Solo sapere che hai qualcuno su cui contare se necessario è sufficiente per smorzare alcune di quelle risposte anche se [quella persona] non è fisicamente presente”, dice Holt-Lunstad.

Quali effetti, se del caso, potrebbero essere causati dalla distanza sociale in risposta al coronavirus è una domanda aperta. “Ho un paio di ipotesi in competizione”, dice Holt-Lunstad. “Da un lato, sono preoccupato che ciò non solo aggraverà le cose per coloro che sono già isolati e soli, ma potrebbe anche essere un punto di innesco per gli altri che ora entrano nelle abitudini di connettersi di meno”.

Una possibilità più ottimista, afferma, è che l’accresciuta consapevolezza di questi problemi spingerà le persone a rimanere in contatto e ad agire in modo positivo. “Ci piacerebbe raccogliere dati su questo”, afferma.

 

Alcune persone o popolazioni hanno maggiori probabilità di essere colpite?

Le persone di tutte le età sono sensibili agli effetti negativi dell’isolamento sociale e della solitudine, afferma Holt-Lunstad. Ma un recente rapporto della National Academy of Sciences (di cui è stata coautrice) evidenzia alcuni motivi per cui le persone anziane possono essere più sensibili, tra cui la perdita di famiglia o amici, malattie croniche e menomazioni sensoriali come la perdita dell’udito che può causare è più difficile interagire.

C’è un’enorme variazione individuale nella capacità delle persone di gestire l’isolamento sociale e lo stress, aggiunge Chris Segrin, uno scienziato comportamentale dell’Università dell’Arizona. È importante ricordare che non tutti stanno affrontando questo con lo stesso livello di salute mentale, dice. “Qualcuno che ha già problemi con, diciamo, ansia sociale, depressione, solitudine, abuso di sostanze o altri problemi di salute sarà particolarmente vulnerabile.”

Nel complesso, tuttavia, le persone sono straordinariamente resistenti. E molti hanno sopportato situazioni molto peggiori. Segrin indica casi di studio di prigionieri statunitensi durante la guerra del Vietnam che erano confinati in minuscole celle chiamate “gabbie di tigre”, a volte in acqua fino al mento. Un tratto che predisse la loro salute psicologica a lungo termine era l’ottimismo: i prigionieri che credevano che, non importa quanto fossero brutte le cose, sarebbero sopravvissuti e che alla fine sarebbe stata vinta la guerra avrebbe avuto una migliore salute mentale in seguito nella vita.

 

La tecnologia può aiutare a compensare alcuni aspetti negativi del distanziamento sociale?

Messaggi di testo, e-mail e app come Skype e FaceTime possono sicuramente aiutare le persone a rimanere in contatto. “Siamo fortunati a vivere in un’era in cui la tecnologia ci permetterà di vedere e ascoltare i nostri amici

 

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.