Una riduzione del rumore sismico a causa dei cambiamenti nell’attività umana è un vantaggio per i geoscienziati.

 

La pandemia di coronavirus ha portato il caos nelle vite e nelle economie di tutto il mondo. Ma gli sforzi per frenare la diffusione del virus potrebbero significare che il pianeta stesso si sta muovendo un po’ meno. I ricercatori che studiano il movimento della Terra stanno segnalando un calo del rumore sismico – il ronzio delle vibrazioni nella crosta del pianeta – che potrebbe essere il risultato della chiusura delle reti di trasporto e di altre attività umane. Dicono che ciò potrebbe consentire ai rilevatori di individuare piccoli terremoti e aumentare gli sforzi per monitorare l’attività vulcanica e altri eventi sismici.

Una riduzione del rumore di questa portata si verifica di solito solo brevemente a Natale, afferma Thomas Lecocq, un sismologo del Royal Observatory del Belgio a Bruxelles, dove è stato osservato il calo.

Proprio come eventi naturali come i terremoti fanno muovere la crosta terrestre, così le vibrazioni causate dai veicoli in movimento e dai macchinari industriali. E sebbene gli effetti delle singole fonti possano essere piccoli, insieme producono rumore di fondo, il che riduce la capacità dei sismologi di rilevare altri segnali che si verificano alla stessa frequenza.

I dati di un sismometro all’osservatorio mostrano che le misure per frenare la diffusione di COVID-19 a Bruxelles hanno causato un calo del rumore sismico indotto dall’uomo di circa un terzo, afferma Lecocq. Le misure includono la chiusura di scuole, ristoranti e altri luoghi pubblici dal 14 marzo e il divieto di tutti i viaggi non essenziali dal 18 marzo. L’attuale calo ha aumentato la sensibilità dell’attrezzatura dell’osservatorio, migliorando la sua capacità di rilevare le onde nella stessa gamma di alte frequenze del rumore. “In Belgio, ora, il sismometro di superficie della struttura è ora quasi sensibile a piccoli terremoti e esplosioni di cava come un rilevatore di controparte sepolto in un foro di 100 metri”, aggiunge Lecocq.

Se i blocchi continueranno nei prossimi mesi, i rilevatori di città di tutto il mondo potrebbero essere migliori del solito nel rilevare le posizioni delle scosse di assestamento di un terremoto, afferma Andy Frassetto, sismologo presso gli Istituti di ricerca per la sismologia a Washington. “Riceveremo segnali con meno rumore di superficie, ciò consentirà di ricavare un più informazioni dagli eventi”.

La caduta del rumore potrebbe anche aiutare i sismologi che usano vibrazioni di fondo che si verificano in natura, come quelle provocate dalle onde oceaniche che si infrangono, per sondare la crosta terrestre. Poiché l’attività vulcanica e il cambiamento delle falde acquifere influiscono sulla velocità con cui queste onde naturali viaggiano, gli scienziati possono ora studiare questi eventi monitorando il tempo impiegato da un’onda per raggiungere un determinato rivelatore. Un calo del rumore indotto dall’uomo potrebbe aumentare la sensibilità dei rivelatori alle onde naturali a frequenze simili, afferma Lecocq, il cui team prevede di iniziare a testarlo.

I sismologi belgi non sono i soli a notare gli effetti del blocco. Celeste Labedz, ricercatrice di geofisica al California Institute of Technology di Pasadena, ha twittato che una simile caduta di rumore era stata rilevata da una stazione di Los Angeles. “Il calo è davvero importante”, ha scritto.

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.