Mentre le università riducono le attività e gli scienziati osservano gli ordini di rimanere a casa, molti stanno lottando per proteggere la loro ricerca e gli animali che la permettono.

 

Le uova stavano per schiudersi, ma Vivian Páez non era sicura che sarebbero sopravvissute. Lei e suo marito Brian Bock, entrambi erpetologi, stavano incubando nel loro laboratorio quasi 100 uova di tartaruga sensibili alla temperatura presso l’Università di Antioquia a Medellín, in Colombia.

Bock studia la tartaruga del fiume Magdalena in pericolo di estinzione (Podocnemis lewyana) e Páez studia la tartaruga dai piedi rossi (Chelonoidis carbonarius), che è considerata vulnerabile. Il 17 marzo seppero di imminenti blocchi dovuti a COVID-19. Il giorno successivo l’università ha chiuso tutte le sue attività di ricerca e insegnamento. E Bock e Páez hanno trasferito tutte le uova nel loro garage. È stata un’operazione snervante, afferma Páez: il movimento, il rumore e le variazioni di temperatura potevano influire sulla salute delle uova. La coppia mise le uova in contenitori di plastica sul banco da lavoro di Bock, le coprì con un telone e trattenne il respiro.

I ricercatori di tutto il mondo stanno affrontando scelte difficili su cosa fare con gli animali di ricerca. Alcuni scienziati sono in grado di prendersi cura degli animali nelle loro solite strutture, con i lavoratori che si prendono cura degli animali prendendo ulteriori precauzioni per le distanze sociali. Altri, come Bock e Páez, hanno portato a casa gli animali o riportato esemplari catturati in natura. E, purtroppo, molte creature sono state o saranno uccise, in particolare piccoli animali come i topi.

Le scelte sono particolarmente stressanti per gli scienziati il ​​cui lavoro influenza direttamente i pazienti umani. Maria Eugênia Duarte, capo della ricerca presso l’Istituto Nazionale di Traumatologia e Ortopedia di Rio de Janeiro, in Brasile, supervisiona gli studi sui sarcomi rari e maligni, soprattutto nei bambini. Il suo team si prende cura di circa 100 topi immunocompromessi, che sono stati impiantati con tumori dei pazienti per studiare come questi crescono e quali farmaci potrebbero funzionare meglio su di essi. Con Rio in blocco, solo un ricercatore può entrare nella struttura per gli animali ogni giorno.

La stessa Duarte non può, perché ha più di 60 anni. I suoi membri del laboratorio si alternano trascorrendo 12 ore in laboratorio a nutrire i topi, pulire e sterilizzare le gabbie e controllare la salute degli animali. Ma se qualche attrezzatura si rompe, come la macchina utilizzata per sterilizzare le gabbie, nessuno sarà in grado di ripararla. “Non sappiamo per quanto tempo sarà possibile”, afferma Duarte. “Forse avremo bisogno di dare priorità e sacrificare alcuni degli animali.”

Molti laboratori hanno già preso questa difficile decisione. Un ricercatore della Oregon Health & Science University di Portland ha dovuto eutanizzare più di due terzi dei suoi topi. Altrove negli Stati Uniti, un ricercatore della Carnegie Mellon University riferisce di aver abbattuto 600 topi; due scienziati di Harvard affermano di aver dovuto uccidere metà dei loro topi di ricerca; e un team del Memorial Sloan Kettering Cancer Center è stato invitato a designare non più del 60% dei suoi animali come essenziali.

Il Jackson Laboratory, un istituto di ricerca biomedica senza scopo di lucro con sede a Bar Harbor, nel Maine, che vende milioni di topi di ricerca all’anno e crea ceppi di topo umanizzati, ha notato un aumento di molte volte delle richieste di congelamento di spermatozoi o embrioni di topo in modo che linee specifiche possano essere ricostruite più tardi, afferma Rob Taft, un senior program manager di Jackson. La scorsa settimana, l’istituto ha inviato camion in città tra cui New York, Seattle, Boston, San Francisco, Houston e Chicago per raccogliere topi per la crioconservazione; sono previsti altri pickup in altre città.

Ma in alcuni casi, in particolare quelli che coinvolgono organismi di ricerca catturati in natura, ci sono poche opzioni quando si tratta di mantenere o preservare un programma di ricerca. Solomon David, un biologo marino presso la Nicholls State University di Thibodaux, Louisiana, la scorsa settimana ha deciso di liberare 48 pesci selvatici (Lepisosteus oculatus) che lui e i suoi collaboratori avevano catturato due settimane prima.

Non tutti gli animali da laboratorio sono colpiti dalla pandemia. All’Università di Milano, in Italia, non è cambiato molto per quanto riguarda la cura degli animali, afferma Giuliano Grignaschi, responsabile del benessere degli animali dell’università. Grignaschi supervisiona i laboratori che lavorano con circa 10.000 topi e 2.000 pesci zebra, nonché conigli e rane Xenopus. Dice che l’università non ha dovuto eutanizzare alcun animale e che il personale che si prende cura degli animali stava già osservando pratiche coerenti con le distanze sociali. Grignaschi aggiunge che l’Università di Milano vuole che i ricercatori siano in grado di riprendere il loro lavoro il più presto possibile dopo la chiusura delle pandemie. La scienza, dice, è troppo importante per fermarsi a lungo. “Ci sono così tanti pazienti con altri tipi di problemi che stanno ancora aspettando la cura”.

Allo stesso modo, l’Università di Washington a Seattle non ha cambiato le cure che i suoi animali ricevono, dicono Sally Thompson-Iritani, direttore del centro di ricerca sui primati, e Thea Brabb, cattedra di medicina comparata, anche se hanno scaglionato le pause dei membri del personale e i pranzi. Lo Stato di Washington ordina il distanziamento sociale, ma “tutto il nostro personale di cura degli animali e il nostro personale di supporto alla ricerca è considerato personale essenziale”, dice Thompson-Iritani. I ricercatori dell’università stanno attualmente conducendo numerosi studi sugli animali volti allo sviluppo di potenziali trattamenti per il COVID-19.

E molti, tra cui Bock e Páez, stanno portando i loro animali a casa con loro. Maria Cramer, Università del Maryland a College Park, e il suo partner stanno condividendo il loro appartamento nel seminterrato con due camere da letto con le due colonie di coccinelle geneticamente modificate. Le portò a casa in grandi contenitori per alimenti e li mise sul davanzale della finestra. “Il nostro frigorifero è pieno di polline d’api biologico per dar loro da mangiare”, dice.

Per quanto riguarda le tartarughe di Páez e Bock, finora sono nate circa 15 uova. Le tartarughe, lunghe circa 6 centimetri, condividono una camera da letto con Páez e la figlia 19enne di Bock, che è a casa dal college. Le tartarughe fluviali occupano due acquari di pesci nella veranda protetta della famiglia. I ricercatori intendono allevare gli animali fino a quando le restrizioni non saranno revocate, il che potrebbe richiedere mesi. “Per fortuna, noi non lavoriamo con giaguari o coccodrilli”, scherza Páez.

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.