proposto da una studentessa di medicina della Mayo. Il traffico di esseri umani è un problema crescente della salute pubblica internazionale.

 

Si stima che negli Stati Uniti vi siano 400.000 persone colpite e fino all’88% di loro ha visto un professionista della salute mentre era vittima della tratta. Ovviamente tacendo la situazione perché sotto minacce di vario tipo.

Poiché la tratta di esseri umani diventa un problema di salute, le scuole di medicina iniziano a includere l’argomento nell’educazione dei loro studenti. Tuttavia, siamo ancora solo alle prime fasi, afferma uno studio della Mayo Clinic presentato sull’American Journal of Preventive Medicine che ha analizzato la situazione. La ricerca è stata condotta da una studentessa del terzo anno presso la Scuola di Medicina della Clinica Alix de Mayo, Jennifer Talbott, che ha suggerito di includere la formazione sulla tratta di esseri umani nei curriculum.

In un lavoro congiunto con i professori della School of Medicine, la Talbott ha partecipato allo studio e allo sviluppo di un corso per formare altri studenti come lei per identificare e offrire risorse alle vittime del traffico di esseri umani.

La tutor della Talbott, Juliana Kling, condirettore medico della Student Community Clinic presso la Mayo Clinic, afferma che è fondamentale che gli studenti di medicina siano formati sia per identificare le vittime della tratta sia per fornire loro un aiuto immediato. “Se non siamo in grado di riconoscerle, queste vittime non smetteranno mai di esserlo”, sottolinea la Kling.

Molte organizzazioni hanno chiesto alle scuole di medicina di formare gli studenti per riconoscere e prendersi cura di questi pazienti. Tuttavia, lo studio della Talbott afferma che esistono poche risorse di formazione standardizzate, poiché finora solo quattro scuole di medicina negli Stati Uniti hanno pubblicato programmi che includono una formazione specifica sulla tratta di esseri umani.

Ma sono programmi incompleti e teorici. Lo studio rileva che un forte curriculum educativo “comporta il potenziale per colmare questo vuoto nell’istruzione”. La disinformazione e la mancanza di formazione degli studenti di medicina sono stati rilevati dalla Talbott attraverso i bassi risultati ottenuti nella ricerca di risorse educative pubblicate, poiché lo studio ha trovato solo 11 articoli sul tema. Lo studio ha anche scoperto che tra le poche risorse pubblicate per gli studenti di medicina, c’erano discrepanze nel modo in cui il materiale affrontava le questioni legali e di sicurezza delle vittime.

Adesso la Talbott e l’Associazione americana delle donne medico hanno cominciato ad offrire presso la Mayo Clinic formazione gratuita per compagni di classe e altri professionisti della salute dello stato dell’Arizona. La formazione comprende esperienze simulate con pazienti e conferenze integrate nel curriculum della Scuola di Medicina Mayo.

Mentre è ancora nelle prime fasi, altri studenti di medicina hanno fatto commenti positivi sulla formazione. “Gli studenti di medicina sono inclini a questa disciplina accademica perché vogliono aiutare i pazienti ed è nostro dovere insegnare loro a identificare e fornire assistenza alle vittime della tratta di esseri umani. Speriamo che il curriculum elaborato riempia questo vuoto importante “, conclude la Kling. E noi ci auguriamo che questa iniziativa esca dai confini dell’Arizona e arrivi anche nelle scuole di medicina europee.

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.