I test sugli animali sono stati superati con risultati sorprendenti, più 50% di sopravvivenza per il cancro triplo negativo.

 

 

Tra poco inizierà la sperimentazione clinica di una nuova terapia a base di nanoparticelle per il tumore al seno triplo negativo, una delle più aggressive e mortali forme di cancro alla mammella.

Il merito va agli scienziati della University of Maryland School of Medicine che hanno sviluppato delle nuove nanoparticelle molto più efficienti di quelle attualmente in commercio per questo tumore.

Come scrivono sul numero del 16 gennaio della rivista Science Advances, queste nuove particelle superano con facilità le cellule e i tessuti sani e si attaccano alle cellule cancerose, depositando dentro di esse un farmaco chemioterapico (paclitaxel).

“Abbiamo scoperto che sulle cellule di questo tumore si trova un recettore, Fn14, al quale possiamo far legare le nanoparticelle e dal quale far entrare il farmaco per distruggerle” spiegano i ricercatori.

Il tumore triplo negativo, infatti, si caratterizza per non avere sulle proprie cellule i recettori degli ormoni come gli altri tumori mammari, grazie ai quali è possibile bersagliarli con i chemioterapici.

Abbonda però del recettore Fn14, così come altri tipi di tumore solido quali il cancro ai polmoni, alla prostata e al colon retto.

Per raggiungere questo recettore alle particelle è stato attaccato un anticorpo monoclonale, ITEM 4, che si lega specificatamente ad esso e sono state rivestite con glicole polietilenico per poter circolare liberamente nel flusso sanguigno e nel sistema linfatico senza essere espulse.

Le nuove nanoparticelle sono quindi state testate su topi con tumore triplo negativo comparandole a quelle attualmente usate per questo tipo di cancro con risultati sorprendenti: la sopravvivenza media delle cavie è aumentata di più del 50%. Questo ha consentito alla Food and Drugs Administratio, l’ente americano per i farmaci, di far approvare subito il trattamento per la sperimentazione umana.

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.