Cinzia Marano, direttore medico GSK vaccini Italia spiega l’iniziativa per promuovere la conoscenza e consapevolezza della vaccinazione contro la menengite.

Cosa significa meningite

Il termine meningite caratterizza qualsiasi infezione delle meningi, le membrane che proteggono il sistema nervoso centrale. La meningite da meningococco è invece causata da un batterio a forme di chicco di caffè, chiamato Neisseria meningitidis.

 

Identikit del meningococco

Il batterio è presente in circa il 10 per cento delle persone, nelle alte vie respiratorie, all’interno della gola e del naso. Si trasmette per via aerea da portatori asintomatici attraverso il contatto diretto prolungato, soprattutto in ambienti affollati e può penetrarenelle vie respiratorie di altre persone.

 

Come si manifesta

La malattia si presenta spesso con segni aspecifici, come la febbre alta. Possono comparire febbre, cefalea, rigidità della nuca e vomito oltre a macchie sulla pelle, presenti in tre malati su quattro. Il decorso può essere estremamente rapido, tanto da condurre a morte anche in poche ore.

 

Come ci si protegge

Oggi i vaccini sono in grado di prevenire l’infezione nei confronti dei ceppi più diffusi di meningococco. Esistono vaccini monovalenti e vaccini quadrivalente nei confronti dei meningococchi C, A, W, Y ed è da poco disponibile il vaccino per il meningococco B, realizzato da GSK nel centro ricerche di Siena.

 

Chi rischia di più

I casi si concentrano soprattutto tra i bambini molto piccoli, più o meno fino ai 5 anni, oppure negli adolescenti, specie dopo soggiorno in ambienti affollati. In queste due fasce d’età in cui la vaccinazione è fortemente raccomandata, oltre ovviamente che nelle persone che presentano specifiche patologie.

 

Come si cura

Il trattamento va mirato in base alle condizioni dei pazienti ed è complesso in caso di sepsi a rapida evoluzione. Il ricovero in ospedale e il trattamento antibiotico sono fondamentali, oltre ai supporti sintomatologici: l’antibiotico si usa anche per la profilassi dei contatti, come familiari o amici.

 

Non dimenticare che….

  • La malattia meningococcica è una patologia improvvisa potenzialmente fatale in 24-48 ora.
  • Più di uno su dieci tra chi ne è colpito può morire.
  • In Europa il Meningococco B (Men B) causa circa l’85 per cento dei casi di malattia da meningococco tra i bambini piccoli.
  • Più di 1 bambino su 10 sopravvissuto all’infezione da Meningococco B soffre della perdita di un arto o di disabilità neurologica.
  • Più di 1 bambino su 3 sopravvissuto all’infezione da Meningococco B presenta altre problematiche cognitive, fisiche e psicologiche.
  • Chi sopravvive può avere impatti a lungo termine in termini di educazione e di lavoro.

 

Le raccomandazioni delle Autorità Sanitarie

Il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione Vaccinale (2017-2019) ha inserito le vaccinazioni per Meningococco C e B tra i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA). Ciò significa che vengono offerte ai nuovi nati:

 

  • Il vaccino per il Meningococco B (tre dosi più una di richiamo) da effettuarsi al 3-4-6 e 13esimo mese di vita
  • Il vaccino per il Meningococco C, da effettuarsi tra il 13 e 15esimo mese di vita.

 

Agli adolescenti (tra I 12 e I 18 anni) è offerto il vaccino quadrivalente per il Meningococco ACWY (vaccino coniugato).

 

Attenzione: Il Piano Nazionale viene poi implementato dalle singole Regioni, che possono proporre ampliamenti delle offerte in fasce d’età diverse, sia in regime di gratuità che di copayment. Per questo è fondamentale fare riferimento al proprio medico di medicina generale e ai Servizi di Igiene e Sanità Pubblica della Asl di appartenenza.

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.