Situati all’interno di due galassie che si stanno fondendo in un’unica, subirano la stessa sorte, in un eveneto che creerà un mostruoso oggetto cosmico.

 

Il VLT (Very Large Telescope) dell’ESO ha ripreso il risultato di una spettacolare collisione cosmica: la galassia NGC 7727 nella costellazione dell’Acquario. Questo gigante è nato dalla fusione di due galassie, un evento iniziato circa un miliardo di anni fa.

Al centro si trova la coppia di buchi neri supermassicci più vicini mai trovati, a circa 89 milioni di anni luce dalla Terra,  li più vicini a noi mai trovati.

I buchi neri in NGC 7727 si trovano a soli 1600 anni luce di distanza tra loro e si prevede che si fonderanno entro 250 milioni di anni, un batter d’occhio in tempo astronomico, in un buco nero ancora più massiccio.

Le due galassie sono impegnate in una danza l’una intorno all’altra, con la gravità che crea forze di marea che cambiano drasticamente l’aspetto dei due ballerini. “Code” formate da stelle, gas e polvere si avvolgono intorno alle galassie per formare infine una nuova galassia risultato della fusione.

Le singole stelle non subiscono alcuna collisione poiché, rispetto alle loro dimensioni, le distanze tra loro sono molto grandi.

Le conseguenze di questo urto cosmico sono straordinariamente evidenti in questa immagine della galassia, scattata con lo strumento FORS2 (FOcal Reducer and low dispersion Spectrograph 2) installato sul VLT dell’ESO.

In questa immagine presa con il VLT dell’ESO vediamo le scie intricate create durante la fusione delle galassie, che si sono strappate stelle e polvere a vicenda per creare i lunghi e spettacolari bracci che attorniano NGC 7727.

Parti di questi bracci sono punteggiate di stelle, che appaiono come macchie di un brillante colore blu-violetto.

Nell’immagine sono visibili anche due punti luminosi al centro della galassia: il cuore di NGC 7727 è ancora costituito dai due nuclei galattici originali, ciascuno dei quali ospita un buco nero supermassiccio.

Anche la nostra galassia, che pure sfoggia un buco nero supermassiccio al centro, è destinata a fondersi con la nostra vicina, la Galassia di Andromeda, tra miliardi di anni. Forse la galassia che risulterà dalla fusione avrà un aspetto simile alla danza cosmica che vediamo in NGC 7727, quindi questa immagine potrebbe darci un’anticipazione del futuro.

 

Foto: Eso

 



Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)
Riproduzione riservata (c)