Convegno dell’associazione il 12 maggio: giornata mondiale della fibromialgia, la malattia dei 100 sintomi.

 

 

In occasione della Giornata Mondiale della Fibromialgia e MCS (Sensibilità Chimica Multipla) il 12 maggio si svolge a Roma il 6° Convegno Nazionale del Comitato Fibromialgici Uniti (CFU Italia – ODV), una giornata interattiva per pazienti, clinici e stakeholder.

Durante la giornata talk show e dibattiti si alterneranno alla proiezione di corti e alle presentazioni di progetti come “Piantiamo la salute” in collaborazione con VAS (Verdi Ambiente e Società) e Arma dei Carabinieri forestali.

Microfoni accesi all’Acquario Romano di Piazza Manfredo Fanti 47 (Esquilino) con la mostra e proiezione di “Photovoice, la Fibromialgia è” e “L’Armatura invisibile” a cui seguiranno i talk show condotti dai giornalisti Barbara Rachetti di Donna Moderna e Andrea Pranovi, la proiezione del docufilm “AD MAIORA: vittime di una malattia invisibile” per la regia di Federico Liguori e il cortometraggio: “Fibromialgia: le parole di un dolore invisibile” del regista Davide Catalano.

Si susseguiranno gli interventi di clinici, psicoterapeuti, psicologi clinici e biologi insieme ai vertici dell’Associazione.

“Dobbiamo fare in modo che la nostra voce non sia invisibile come il nostro dolore” sottolinea Barbara Suzzi, Presidente dell’Associazione CFU-Italia odv “per questo abbiamo creato un programma eterogeneo, uscendo dai reparti e dagli ambulatori ospedalieri e facendo cultura su una malattia di cui si parla davvero solo recentemente. Il format della giornata è quello di dare spunti di riflessione e rispondere a domande e dubbi. Spesso, quando si partecipa a convegni si esce con più domande che risposte, vogliamo colmare questa lacuna”.

La fibromialgia è una sindrome dolorosa cronica, colpisce in Italia circa 3 milioni di persone, nel 90% dei casi donne.  La causa non è stata ancora chiarita, recenti studi hanno dimostrato una sensibilizzazione centrale caratterizzata da una disfunzione dei circuiti neurologici preposti all’elaborazione degli impulsi provenienti da zone periferiche del cervello che regolano il dolore.

 

La pluralità di sintomi evidenziati nella patologia è principalmente il dolore muscolo scheletrico diffuso, seguito da affaticamento, rigidità, parestesie, bruciori, insonnia e  una limitata esecuzione delle normali attività giornaliere.

Non avendo ancora marker infiammatori rilevabili con indagini strumentali, i fibromialgici sono stati a lungo considerati ipocondriaci, malati immaginari, persone che somatizzano disturbi psichici. Per molto tempo si riteneva che il nostro fosse un dolore ‘fantasma’ e invece è reale e invalidante, solo nel 1992 l’OMS ha riconosciuto la malattia con la Dichiarazione di Copenaghen.

“Siamo grate al nostro Comitato Scientifico composto anche da ricercatori, la ricerca è per noi la speranza di uscire davvero dall’invisibilità e tornare a vivere con meno dolore e rinnovata dignità. Stiamo dialogando con le istituzioni affinché la patologia sia inserita nei LEA (livelli essenziali di assistenza) in modo che siano definite con precisione le prestazioni erogate dal SSN, le terapie rimborsate, i controlli, la fisioterapia, la degenza e la riabilitazione” prosegue la Presidente.

Purtroppo per noi questi livelli essenziali non sono garantiti e la fibromialgia è attualmente esclusa dall’elenco delle malattie croniche ed invalidanti. Eppure, sono stati contati almeno 100 sintomi nelle varie forme della malattia che colpisce sono in Italia circa 3 milioni di persone.

“Eravamo sicuri che quel momento sarebbe arrivato nel 2019 con una adeguata copertura economica, ma poi è arrivato il Covid-19 che ha cambiato le priorità a livello mondiale” conclude Suzzi, “Senza l’inserimento nei Lea non possiamo accedere nemmeno a visite e controlli, per non parlare delle terapie “alternative” e non farmacologiche, a totale onere dei malati”.

 

 

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Leggi anche: