Nel nostro Paese si stimano 15 mila persone colpite dalla malttia, attualmente trattabile solo con interferone e non utilizzabile in tutti i soggetti.

 

Un nuovo approccio terapeutico costituirà una svolta rivoluzionaria per i pazienti affetti da epatite Delta, grazie al primo farmaco specifico contro il virus HDV, che ha la capacità di bloccare la replicazione dell’infezione permettendo ai malati di sopravvivere.

L’unico trattamento finora disponibile è stato tramite interferone, pur con effetti collaterali e non utilizzabile in soggetti anziani e malati gravi. Il nuovo farmaco è stato già approvato a livello europeo, ma manca il via libera di AIFA.

L’Epatite Delta, scoperta da Mario Rizzetto, Professore Ordinario di Gastroenterologia dell’Università di Torino nel 1977, si manifesta solo nelle persone affette da Epatite B e dato che in Italia la vaccinazione per qust’ultima è obbligatoria per i nuovi nati dal 1991 i numeri dell’infezione sono limitati, anche se le stime parlano di circa 15.000 persone colpite. Nel mondo sono però 10-20 milioni i soggetti coinvolti e circa il 10% di persone con Epatite B hanno anche la Delta, sebbene in tanti non ne siano consapevoli.

L’Epatite Delta è, tra le diverse epatiti, la più severa in quanto progredisce assai rapidamente, fino a 10 volte di più rispetto all’Epatite B – sottolinea il Prof. Alessio Aghemo, Segretario Associazione Italiana per lo Studio del FegatoL’infezione provoca un’infiammazione cronica che genera necrosi, le cellule epatiche vanno incontro a mutazioni genetiche, che alla fine determinano un clone cellulare che si espande fino a diventare epatocarcinoma. Se per l’Epatite B esistono trattamenti efficaci, finora non si è potuto dire altrettanto per la Delta. Inoltre, vi è il problema della rilevazione: meno di un paziente su due con HBV è testato per la Delta. Anche nei centri epatologici spesso c’è poca formazione, sebbene siano sufficienti semplici esami del sangue per diagnosticarla. Questo fa sì che vi sia un notevole sommerso e che le diagnosi siano spesso tardive, lasciando che il virus danneggi il fegato e che, tra coloro che non sono protetti da vaccino, si diffondano i contagi, che possono avvenire per via parenterale e sessuale”.

Il nuovo farmaco bulevirtide è unico per meccanismo d’azione e somministrazione. Rappresenta un progresso rivoluzionario perché permette di trattare anche senza interferone pazienti che prima non potevano ricevere alcuna terapia – evidenzia il Prof. Pietro Lampertico, Professore Ordinario di Gastroenterologia all’Università degli Studi di Milano – Gli studi in monoterapia suggeriscono la possibilità di avere per adesso alla settimana 24 una riduzione di circa 2-2,5 logaritmi di viremia, con una risposta virologica nel 50% e una risposta biochimica nel 50% dei pazienti. Gli studi vanno avanti e al prossimo Congresso di giugno dell’Associazione Europea per lo Studio del Fegato (EASL) verranno presentati i dati alla settimana 48 dello studio registrativo del farmaco in monoterapia. La possibilità di dare questo farmaco a pazienti non trattabili con interferone rappresenta la prima e unica alternativa al trapianto di fegato, garantendo loro la sopravvivenza. I pazienti affetti da Epatite Delta, così come quelli che hanno Epatite B, non possono guarire definitivamente, ma già questo risultato è straordinario, tanto più che spesso l’identikit del paziente affetto da questa patologia riguarda persone di 45 anni, frequentemente di sesso femminile, che muoiono di scompenso o di cancro. Un farmaco che blocca la replicazione del virus normalizza le transaminasi e aumenta la sopravvivenza. Il futuro sarà caratterizzato da terapie di combinazione tra diversi farmaci che sono attualmente in studio”.

L’Italia è stata uno dei paesi pionieri nel rendere obbligatoria la vaccinazione per l’Epatite B, che previene ovviamente anche l’Epatite Delta, tanto che siamo uno dei pochi paesi con un tasso di vaccinazione per epatite B nei nuovi nati superiore al 90% – spiega il Prof. Aghemo – Per questo nella popolazione tra 0 e 40-45 anni questo virus è quasi del tutto assente e ancor meno si manifesta la Delta. Queste epatiti, invece, si riscontrano soprattutto nei giovani non nati in Italia o nella fascia over 45. In altri Paesi, come quelli dell’est Europa, c’è un tasso di vaccinazione più basso e una prevalenza più alta”.

 

 

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Leggi anche: