L’Ema ipotizza e segnala più rischi per il cuore dopo la somministrazione della seconda dose del vaccino contro il Covid Spikevax, ossia Moderna.

 

Pericardite e miocardite sono effetti collaterali legati ai vaccini mRNA. I dati provenienti dall’Europa del Nord dimostrano che la seconda dose di Moderna comporterebbe più rischi rispetto alla seconda dose di Pfizer. La segnalazione dell’EMA si basa su analisi preliminari sulle segnalazioni di problemi al cuore che sarebbero legati alla somministrazione della seconda dose del vaccino. Questi dati indicano la possibilità che i rischi di manifestare problemi al cuore, miocardite e pericardite in genere, sarebbero maggiori dopo la seconda dose del vaccino Moderna rispetto alla seconda dose con il vaccino Pfizer, che quindi sarebbe più sicuro. Come riferito dall’Adnkronos, l’Ema ritiene comunque che i dati necessitino di una ulteriore valutazione.

 

Lo stop precauzionale alla somministrazione in Svezia e in Danimarca

Nel Nord Europa il vaccino Moderna rappresenta un caso. La Svezia ha sospeso in via precauzionale la somministrazione del vaccino agli under 30 mentre la Danimarca ha deciso di sospendere la somministrazione agli under 18. La decisione è stata assunta, in via precauzionale, dopo le segnalazioni di problemi al cuore che potrebbero essere riconducibili alla somministrazione del vaccino.

 

I vaccini contro il Covid e i problemi cardiaci

Già a luglio l’Ema ha chiarito la sua posizione facendo sapere di ritenere che miocardite e pericardite possono verificarsi dopo la somministrazione del vaccino Moderna o Pfizer, quindi dei vaccini mRNA. L’Agenzia europea ha quindi riconosciuto un nesso causale tra la vaccinazione e i problemi al cuore segnalati in seguito alla somministrazione.

I nuovi dati, che arrivano dal Nord Europa, dimostrano che questi problemi sono più frequenti dopo la seconda dose del vaccino Moderna. Dai due vaccinati con due dosi di Pfizer sono arrivate meno segnalazioni, ma come detto l’analisi prosegue ed è in costante aggiornamento.

 

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)