Una proteina trovata nelle lamprede può disattivare circuiti neurali collegati ad ansia, depressione e dipendenza se attivata con la luce.

 

Alla University of Washington School of Medicine è stata individuata una proteina contenuta nelle lamprede che può aprire la strada a impianti neurali per curare alcune patologie come l’ansia, la depressione e la dipendenza patologica.

Le lamprede sono pesci parassiti, che si attaccano con le ventose della loro bocca ad altri pesci per succhiare loro il sangue e da qui il soprannome di “vampiri”.

Contengono la parapinopsina, una proteina che gli scienziati, come dicono nell’ultimo numero della rivista scientifica Neuron, hanno scoperto può controllare il modo con cui i neuroni comunicano tra loro.

Può ad esempio bloccare la trasmissione dei circuiti collegati all’ansia o alla depressione, di fatto “spegnendo” questi stati d’animo nefasti.

Non solo: questa si attiva se illuminata di luce blu e si “spegne” con la luce rossa. Può essere quindi impiegata in impianti neurali che modulando il colore della luce la accendono o la disattivano a seconda dell’occorrenza.

Pensiamo ad esempio nelle convulsioni o tremori del Parkinson, che potrebbero essere inibiti bloccando i percorsi neurali che li trasmettono.

 

Foto: department for environment and water SA

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)